Vaselina: cos'è, come si usa

Guida Guida

La vaselina è un prodotto che favorisce la guarigione di tagli e ustioni. Molto idratante, può essere utilizzata in mille modi diversi. 

La vaselina è un prodotto che favorisce la guarigione di tagli e ustioni. Molto idratante, può essere utilizzata in mille modi diversi. 
Ti potrebbero interessare

La vaselina (o petrolato o gel di petrolio) è un prodotto lenitivo, idratante ed emolliente. In base al processo di raffinazione, i vari tipi di vaselina si differenziano in gialla, marrone e bianca, laddove la variante più chiara è quella più raffinata e di miglior qualità. Erroneamente talvolta viene chiamata vasellina anziché vaselina, ma il nome corretto deriva dal termine inglese vaseline che fa riferimento ad una particolare sostanza scoperta nel diciannovesimo secolo.

Cos'è la vaselina

La vaselina è un prodotto molto versatile e dalle innumerevoli proprietà positive che si ottiene dai residui della raffinazione del petrolio. Composta per la maggior parte da oli minerali e cere, ha qualità emollienti, lenitive, idratanti e lubrificanti. Inodore e priva di colorazione, è una particolare sostanza gelatinosa che trova ampio impiego in ambito farmaceutico, cosmetico e alimentare. Senza contare che in molti casi la vaselina salicilica è un vero toccasana anche in caso di pelle squamosa, psoriasi, forfora, acne e verruche.

Vaselina: a cosa serve 

Foto:Govindji Patel-123RF

Gli utilizzi della vaselina sono davvero molteplici: il gel di petrolio, infatti, è presente in molte creme, detergenti e in svariati prodotti per la cura della pelle e dei capelli. Ma non è tutto: si trova anche in alcuni farmaci lassativi e sotto forma di olio bianco (o paraffina liquida) può essere utilizzata a scopo alimentare. Inoltre, è un rimedio efficace contro le macchie di tintura, per rimuovere il trucco, per rinforzare le unghie e rendere sane le cuticole.

Per uso intimo 

La vaselina è un lubrificante a base di olio ed è presente in molti prodotti indicati per uso intimo. Parliamo di un composto denso, idrofobico, che ha una struttura consistente e morbida. Tuttavia, non deve essere utilizzata insieme a preservativi di lattice perché aumenta la probabilità di danneggiarne la barriera.

Per tatuaggi 

Applicare uno strato di vaselina sopra un tatuaggio appena fatto permette di isolare la pelle da germi e batteri. Alcuni professionisti consigliano di utilizzare il gel petrolato per (almeno) 7-10 giorni. Altri, invece, propendono per altri tipi di creme dal momento che un’idratazione eccessiva potrebbe rischiare di allungare i tempi di guarigione del tatuaggio stesso.

Per idratare le labbra 

La vaselina è un idratante occlusivo che impedisce alla pelle di asciugarsi. Questa caratteristica la rende particolarmente indicata come burrocacao da applicare sulle labbra screpolate. Ma non solo: è anche un rimedio ottimale per trattare mani o talloni screpolati o in caso di pelle molto secca.

Per guarire da graffi e bruciature 

La vaselina favorisce e migliora la guarigione di ferite e ustioni perché trattiene l’umidità sulla pelle, proteggendo la cute dagli agenti esterni. Tuttavia, per un risultato ottimale, è importante applicare il prodotto su una superficie pulita e disinfettata, onde evitare che eventuali batteri e altri microrganismi possano proliferare, ritardando di fatto il processo di guarigione.

Quanto costa la vaselina? 

La vaselina ha un costo contenuto: un tubetto di prodotto in crema o gel da 50 grammi costa mediamente tra i 2 e i 3 euro.

Dove comprarla 

Il petrolato si può acquistare in farmacia, nei negozi di prodotti sanitari, igiene personale, cosmetica, in certi supermercati oppure online.

La vaselina è cancerogena? 

Le paraffine potenzialmente cancerogene sono quelle gialle e marroni. In ambito cosmetico, farmaceutico e alimentare, invece, vengono impiegati solo petrolati bianchi, ovvero quelli più raffinati e di maggior qualità. Una buona accortezza, infine, è quella di consumare l’olio di vaselina solo a crudo. Sottoposto a cottura, infatti, può avere possibili effetti tossici e controindicazioni anche gravi.

Foto apertura: akz-123RF

Salute e benessere
SEGUICI