Come prevenire e curare le piccole perdite femminili

Guida Guida

Le piccole perdite femminili o incontinenza sono un disturbo sgradevole per molte donne, spesso causato dal sovrappeso, dall’età o dalle gravidanze. Ecco come fare per prevenirlo e curarlo.

Le piccole perdite femminili o incontinenza sono un disturbo sgradevole per molte donne, spesso causato dal sovrappeso, dall’età o dalle gravidanze. Ecco come fare per prevenirlo e curarlo.
Ti potrebbero interessare

In Svezia, paese che ha meno tabù dell’Italia, lo sanno già da un pezzo. Che per prevenire e curare le piccole perdite femminili e quella che viene chiamata incontinenza, occorre allenare i muscoli pelvici. In molte scuole, già da diversi anni, si pratica infatti una speciale ginnastica chinesiterapica. Si tratta di una ginnastica mirata al rilassamento e al rafforzamento dei muscoli del perineo e pelvici, praticata in varie scuole pubbliche già tra le giovanissime.  Lo scopo è proprio quello di prevenire i tipici disturbi femminili legati alla perdita di urina, spesso involontaria, che subentrano spesso dopo le gravidanze, con il sopraggiungere dell’età, in seguito a sforzi e al prolasso dell’utero.

 In Italia i  disturbi femminili sono sempre stati considerati come un tabù, soprattutto il parlarne, proprio perché per molte donne è sempre stato una fonte di grande imbarazzo sociale.

 L’incontinenza è un disturbo che può, infatti, peggiorare parecchio la qualità della vita se non si affronta nella maniera corretta. Oggi l’atteggiamento risulta più aperto di una volta e si è arrivati a trovare soluzioni legate alla ginnastica e alla prevenzione.

La ginnastica mirata è infatti un’arma vincente per contrastare e prevenire i disturbi legati all’apparato pelvico femminile, come l’incontinenza e le perdite involontarie di urina.

La ginnastica preventiva è la soluzione ideale per prevenire e curare i disturbi legati al fisiologico prolasso dell’utero.

Anche se non si hanno avuto gravidanze o se l’apparato pelvico risulta esser in condizioni perfette, con il passare del tempo i muscoli pelvici subiscono un naturale rilassamento che va quindi prevenuto in tempo.

Un ‘altra concausa di fondamentale importanza nel subentrare dell’incontinenza femminile è la sedentarietà. Lo sport e il movimento fisico combattono il naturale rilassamento della zona perianale e aiutano i muscoli a rimanere più tonici e forti. In particolare, è stato dimostrato che praticare sport come il pilates aiuta in poco tempo a contrastare il disturbo. Questo perché il pilates agisce su tutti i muscoli del corpo e in particolare sulla zona addominale e pelvica.

 

 

Cominciare con questi esercizi

Per prevenire e curare le piccole perdite femminili si può nel frattempo praticare qualche esercizio fai da te preso dalla chinesiterapia: occorre trattenere la pipì nel  momento in cui si orina, contraendo i muscoli. Ci si può sdraiare per terra, rilassare il ventre con il respiro e contrarre i muscoli pelvici pere alcuni secondi e ripetere l’operazione per almeno 10 minuti al giorno. Si tratta di un esercizio che si può fare anche seduti, sul divano, in ufficio, in macchina.

Salute e benessere
SEGUICI