Come vincere la paura del prelievo del sangue

Guida Guida

Molte persone hanno poca confidenza con gli aghi, molte altre ne sono terrorizzate. Come vincere questa paura? Ecco alcuni semplici consigli.

Fare gli esami del sangue per molte persone rappresenta una tortura, perché la paura può prendere il sopravvento. Le cause possono essere molteplici: rifiuto degli aghi, difficoltà alla vista del sangue, timore del dolore, ecc.

Come vincerla? Ecco alcuni semplici consigli.

Chi si impressiona facilmente dovrebbe evitare di guardare l’ago e il braccio, concentrando l’attenzione su altre cose presenti nella stanza. Si può fissare un quadro o leggere un manifesto parola per parola per il tempo sufficiente a finire il prelievo.

Se si teme di svenire, un consiglio utile è quello di manifestare la propria tensione e la propria ansia a chi è in sala d’aspetto con noi, all’infermiera, ai medici o all’amico o familiare che ci accompagna. Questo infatti, può aiutare ad alleviare la tensione e a rilassarsi.

Molte persone temono di provare dolore durante un prelievo. Oggi, però, gli aghi sono talmente sottili che penetrano con molta facilità. Va ricordato, inoltre, che il braccio non è una zona molto innervata e che, pertanto, il rischio di sentire un forte dolore è limitato.

Gli esperti consigliano di paragonare la puntura ad un dolore molto più intenso (ad esempio al mal di denti o al mal di pancia) in modo tale che il fastidio provocato dall’ago sembri molto più lieve.

Anche i bambini facilmente hanno il terrore delle punture: cosa fare in questo caso? Prima del prelievo, può essere utile tranquillizzarli sfiorandoli con la punta di uno spillo e spiegare loro che proveranno una sensazione molto simile. È bene anche incoraggiarli, magari promettendo loro una bella e ricca colazione ad esame ultimato.

Come indicazione di massima, infine, prima di un prelievo può essere utile bere un bicchiere di acqua che aiuta a sciogliere la tensione. Durante l’esame si può cercare una rassicurazione e promettersi una sorta di piccola ricompensa conclusiva, come ad esempio un dolce o un regalino.
 

 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Salute e benessere
SEGUICI