Yoga

I benefici della meditazione mindfulness nello sport

Non importa quale sport si pratichi, tutti possono trarre vantaggio dalla meditazione mindfulness: ecco quali sono i benefici.

Non importa quale sport si pratichi, tutti possono trarre vantaggio dalla meditazione mindfulness: ecco quali sono i benefici.

La meditazione è uno strumento potente che si rivela utile, oltre che per la mente, anche per il corpo. Sono numerosi gli studi in merito a riconoscere gli effettivi benefici della mindfulness in campo sportivo, che si tramutano nel più veloce recupero dagli infortuni, nel miglioramento della concentrazione nonché nella riduzione di ansia e stress.

Cos’è la meditazione mindfulness

Per mindfulness si intende la consapevolezza, ovvero la capacità dell’uomo di essere pienamente presente, conscio di dove si trova e di cosa sta facendo, senza giudizi. Ma, ancora di più, non distratto o sopraffatto da ciò che accade intorno.

La mindfulness implica metodi di respirazione, immagini guidate e altre pratiche per rilassare il corpo e la mente e aiutare a ridurre lo stress. Consiste - nei fatti - nel prestare attenzione alle sensazioni del corpo e del respiro.

I benefici della meditazione mindfulness nello sport

Molti atleti sanno bene come, nonostante il grande impegno promosso nel proprio allenamento, tra la propria determinazione ed il raggiungimento dei propri obiettivi spesso a giocare brutti scherzi sia proprio la nostra testa. Mancanza di concentrazione, ansia o stress possono incidere negativamente sulle prestazioni atletiche. Ecco come la pratica della mindfulness può rimetterci sulla retta via.

Migliora la concentrazione

La meditazione ci permette di concentrarci sul momento presente, cosicché nessuna distrazione possa distoglierci dai nostri allenamenti. La pratica della consapevolezza, infatti, insegna agli atleti professionisti - e non - a concentrarsi e ad allontanare distrazioni che possono compromettere le proprie performance.

Aiuta ad affrontare la paura

Molti errori, nello sport, sono dovuti alla perdita del focus da parte della nostra mente sul momento attuale, spesso a causa della paura. La mindfulness comporta una diminuzione delle dimensioni dell’amigdala, sede di ansia e preoccupazioni. 

Migliora la resistenza fisica (e mentale)

Praticando la meditazione si può migliorare la resistenza atletica attraverso una riduzione della percezione dello sforzo. Gli atleti che si focalizzano sul raggiungimento di determinati obiettivi combinando ciò a regolari tecniche di respirazione, possono allenare il corpo a lavorare di più e per periodi di tempo più lunghi.

Fa sopportare meglio il dolore

Ancora, attenua di molto la percezione del dolore in una persona, è stato dimostrato da diversi studi in merito. Viene da sé che la mindfulness possa aiutare gli atleti a far fronte al dolore favorendoli nel superare quei momenti di sconforto nei quali, chi pratica regolarmente sport, può imbattersi.

Migliora la qualità del sonno

Incorporandola nella propria routine di allenamento, gli sportivi possono sperimentare un miglioramento della qualità del sonno e dell'insonnia. Le tecniche di meditazione, difatti, evocano rilassamento e combattono lo stress, spesso causa di un cattivo riposo notturno.

Riduce lo stress

Lo stress può ostacolare le prestazioni atletiche di uno sportivo. E’ di fondamentale importanza, dunque, riuscire a gestirlo eliminandolo. Gli atleti che adottano tale pratica consapevole possono ridurre lo stress ed essere più preparati ad esibirsi durante le competizioni.