Chi sono gli agender?

Domande Domande & Risposte

Non si è mai vista una società aperta nelle conversazioni tra esseri umani come quella di oggi: è pur vero che noi italiani siamo sempre una spanna sotto gli altri su certi discorsi, ma le nostre nonne (e mamme) non toccavano minimamente l'argomento della sessualità. Era il tabù dei tabù. Nel vocabolario non esistevano neanche certe parole, figuriamoci intavolare intere discussioni sul genere. Oggi invece è comune parlare di fluid gender, di sessualità androgina e c'è molta più apertura nei confronti dell'idea che il genere non sia necessariamente qualcosa di binario. Un nuovo termine si è fatto spazio nei nostri discorsi con le amiche: agender. Cosa vuol dire di preciso?

Agender: significato

Con questa parola si fa riferimento a chi identifica sé stesso come una persona senza genere. Agender è dunque una definizione che ingloba e include i transessuali e tutte le persone che parlano di genere non binario. Che non si sentono né uomini né donne, in pratica.

Quando si parla di agender non si fa riferimento all'asessualità: genere e sesso sono difatti due elementi distinti. Un agender può provare qualsiasi genere di attrazione o desiderio, come capita a ognuno di noi indipendentemente dall'identità di genere nella quale ci riconosciamo.

Agender: qualche informazione in più

A proposito dei agender, è opinione comune credere che quando si tratta di parlare al maschile o al femminile con gli agender c'è il rischio di offenderli. In realtà gli agender usano il maschile o il femminile indifferentemente. Un uomo può dire "sono stata" e viceversa una donna può usare il maschile quando parla riferendosi a se stessa.

Gli agender non sono sempre androgini, ovvero persone che hanno caratteristiche fisiche riconducibili sia al sesso maschile sia a quello femminile. Lo stesso si può dire in relazione al loro abbigliamento che non è di certo l'elemento che li definisce come tali. Esiste inoltre una differenza tra agender e fluid gender: mentre i primi non hanno una specifica identità di genere, i secondi si sentono maggiormente uomo o donna a seconda del periodo.

Tutti discorsi che se li sentisse nostra madre penserebbe si tratti solo di persone confuse. Ma non è così. E per fortuna. 

Foto: monkeydluffy123rf / 123RF Archivio Fotografico

CHIEDI A DEABYDAY
La riposta non ti soddisfa? Chiedi nuovamente a DeAbyDay
Chiedi
Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Amore e coppia
SEGUICI