Cos'è l'upskirting?

Domande Domande & Risposte

La traduzione letterale del termine upskirting è “spiare sotto la gonna”: si tratta della bruttissima abitudine di scattare foto dal basso a una donna in modo tale da fare uno scatto a quello che si nasconde sotto il vestito. Si tratta di una vera e propria forma di molestia sessuale, molto spesso sottovalutata e considerata quasi divertente, della quale sono vittime non solo le persone famose - che spesso si vedono pubblicate le loro foto di upskirting sui giornali - ma anche di qualsiasi ragazza che cammina per strada indossando una gonna.

Si tratta di un problema di una certa complessità perché se la persona alla quale succede un episodio di questo tipo è minorenne, può denunciare l’accaduto. Se al contrario, si è maggiorenni la foto non viene considerata così oscena da poter essere oggetto di denuncia, almeno in alcuni Paesi. Una questione davvero controversa che non ha ancora trovato una sua risoluzione. In più, il web ha favorito la diffusione e il proliferare di questa tipologia di immagine, ma al contempo ha fatto sì che un numero maggiore di donne abbiano avuto l’occasione di raccontare le loro storie, riuscendo anche ad ottenere qualche conquista dal punto di vista legale.

Da sapere sull’upskirting

Se una delle scene più celebri di Basic Instic, quella in cui Sharon Stone accavalla le gambe lasciando intravedere che non indossa biancheria intima, può aver reso l’upskirting qualcosa di eccitante, nella vita di tutti i giorni non lo è affatto. Come per qualsiasi azione che abbia a che fare con la violazione della privacy di un’altra persona, il consenso è l’unico elemento che può davvero fare la differenza.

La tecnica dell’upskirting si è diffusa soprattutto in tempi recenti, a partire dagli anni 2000, ma come spesso accade con le cose che nascono quasi per gioco è sempre più degenerata verso una forma inappropriata, basata essenzialmente sul mancato rispetto della privacy. In questo senso, l’upskirting può essere considerata un’evoluzione del voyeurismo o del feticismo.

Upskirting: la situazione nel mondo

A seconda nel Paese nel quale ci si trova, l’upskirting è oggetto di una diversa valutazione. In Scozia è ritenuto un’offesa sessuale. Dal 12 aprile 2019 è diventato ufficialmente reato in Inghilterra e in Galles, grazie alle lotte di Gina Martin: la ragazza, che ai tempip dell'accaduto aveva 25 anni, ha dato il via a una potentissima battaglia in rete, con tanto di petizione, che ha portato alla fine all’introduzione di una legge contro l’upskirting, che oggi è punibile con ben due anni di carcere.

Qual è la situazione legale negli altri Stati? Ci sono approcci diversi che dipendono molto dalla cultura diffusa nel Paese di riferimento:

  • in Australia e in Nuova Zelanda esistono delle leggi contro l’upskirting praticato in luoghi pubblici senza il consenso dell’altra persona;
  • negli Stati Uniti sono state introdotte alcune limitazioni legislative, a livello locale, statale e federale;
  • in Giappone, al contratrio, dal 2002 l’upskirt photography è consentita per legge, con il divieto in determinate circostanze di diffondere le foto;
  • nel nostro Paese, infine, un atto di upskirting può essere perseguito sia in sede civile sia in sede penale, ma non esiste una vera e propria legge per la quale è considerato un reato.

Foto apertura: Richard Van Der Spuy © 123RF.COM

 

CHIEDI A DEABYDAY
La riposta non ti soddisfa? Chiedi nuovamente a DeAbyDay
Chiedi
SEGUICI