Scarpiera: cos'è, dove montarla e quale scegliere

Per definizione è un «armadietto a ripiani in cui si ripongono le scarpe». Ma non tutte sono uguali: ecco le cose da sapere. 

Per definizione è un «armadietto a ripiani in cui si ripongono le scarpe». Ma non tutte sono uguali: ecco le cose da sapere. 

La scarpiera è un mobile essenziale per chi ama ‘collezionare’ calzature e al tempo stesso non ama il disordine, così come per tutti coloro che vivono in una piccola abitazione e non possono permettersi di tenere, per ragioni di spazio, le scarpe in giro per casa. Ne esistono di diverse tipologie: ecco le cose da sapere per scegliere la scarpiera giusta.

Cos'è una scarpiera 

Il termine ‘scarpiera’, come spiega il dizionario Treccani, ha due significati. Può essere una «custodia di pelle, plastica o tela per le scarpe, usata specialmente in viaggio», oppure un «armadietto a ripiani in cui si ripongono le scarpe». Ovviamente, in questo articolo ci stiamo occupando del secondo caso: la funzione principale della scarpiera è organizzare le calzature in modo semplice, permettendo di sfruttare al massimo gli spazi e di allungare la ‘vita’ delle scarpe, che conservate al suo interno dureranno di più. Ma non finisce qui: questo mobiletto, infatti, può avere anche una funzione decorativa.

Dove mettere la scarpiera 

Chi preferisce togliere le scarpe appena entra in casa dovrebbe posizionarla all’ingresso. Con questo mobiletto si può anche valorizzare il corridoio (se c’è), che di solito è ‘solo’ un luogo di passaggio. La scarpiera può essere posizionata inoltre in camera da letto, nel ripostiglio, nella cabina armadio, in garage e persino in bagno, senza dimenticare che è possibile optare per una scarpiera da esterni: non c’è un regola e molto dipende dagli spazi dell’abitazione.

Foto:belchonock@123rf.com

Tipologie di scarpiera

Da armadio, a vista, a specchio: ecco le più comuni tipologie di scarpiera e le possibili collocazioni all'interno della vostra casa.

Armadio scarpiera 

La scarpiera armadio, come suggerisce il nome, è adatta per chi ha molte calzature e ha bisogno appunto di un mobile come un armadio (di solito con due ante) per riporre la propria ‘collezione’. Le scarpiere di questo tipo vengono di solito posizionate in camera da letto oppure nel corridoio.

Scarpiera a specchio 

La scarpiera con specchio è una variante di quella ad armadio. Si tratta, molto semplicemente, di un mobile armadio con anta a specchio: la soluzione ideale per chi vive in un appartamento particolarmente piccolo e vuole sfruttare al massimo gli spazi.

Scarpiera modulare 

La scarpiera modulare, come suggerisce il nome, si può adattare allo spazio disponibile in casa: i vari moduli sono leggeri e facili da spostare, assemblabili in verticale oppure in orizzontale. Si tratta di un’opzione economica e al tempo stesso decorativa.

>>Leggi anche: Armadio a vista: pro e contro

Scarpiera a vista 

I mobiletti scarpiera possono essere chiusi oppure a vista. I modelli aperti sono sprovvisti di ante e, spesso, anche di rivestimenti sul retro e sui lati. Possono avere l’aspetto di semplici scaffali e, per questo, risultano adatti per ambienti come garage e ripostigli. Ma in case dall’arredamento minimal vanno bene anche all’ingresso.

Scarpiere da armadio 

Una scarpiera slim, da appendere all’interno dell’armadio: è possibile acquistare anche un modello di questo tipo, praticamente invisibile, molto funzionale ed economico.

Foto apertura: LucaLorenzelli@123rf.com

Casa e fai da te
SEGUICI