Come curare il giardino e l'orto a dicembre: il calendario dei lavori

Guida Guida

Nel mese di dicembre le piante sono a riposo ma è il tempo di preparare le semine future e preparare l’impianto di arbusti e bulbose che fioriranno a primavera. 

Nel mese di dicembre le piante sono a riposo ma è il tempo di preparare le semine future e preparare l’impianto di arbusti e bulbose che fioriranno a primavera. 

Durante l’ultimo mese dell’anno le piante sono a riposo: se non hai provveduto a proteggerle adeguatamente, con pacciamature o tessuto non tessuto, cerca di farlo ora o le brusche gelate rischieranno di farle morire.

A dicembre fai ancora in tempo a piantare le bulbose a fioritura primaverile come crocus, tulipani e allium e a mettere a dimora arbusti che fioriranno ad aprile. Se invece desideri fioriture ad effetto immediato pianta viole, ciclamini ed erica che resistono bene al gelo e fioriscono per tutto l'inverno oppure piante che producono bacche, come l’agrifoglio, il symphoricarpos o la gaultheria.

In questo mese vanno diminuite le annaffiature e interrotte del tutto le concimazioni di tutte le piante

Anche il prato essendo a completo riposo non va trattato con concimi ma al limite solo rastrellato di tanto in tanto per rimuovere le foglie secche che, marcendo, possono provocare l’insorgere di muffe e funghi.

Per quanto riguarda l’orto è possibile raccogliere bietole, broccoli, cavolfiori, cavolini di Bruxelless, cavoli, carciofi, spinaci, carote, finocchi, cicoria e indivia. Tenendo conto delle diverse zone climatiche si potranno raccogliere cachi, olive e agrumi come mandarini, mandaranci, clementine, arance e pompelmi.

Per quanto riguarda la semina di ortaggi ci si può invece concentrare su asparagi, piselli, ravanelli, cipolle, aglio, carote, fave, melanzane, spinaci, lattuga e radicchio.

Ovviamente la semina in piena terra è consigliabile nelle regioni che presentano di un clima mite, altrimenti si possono eseguire semine in semenzaio, in cassoni o in tunnel di protezione, in modo che i germogli rimangano protetti dal gelo.

Se si ha la fortuna di disporre di un frutteto si deve provvedere a trattare con fungicidi i peschi, i ciliegi, gli albicocchi e i susini. Se il terreno non è gelato si può poi ancora fare in tempo a piantare nuovi alberi da frutto, mentre assolutamente vietate sono le potature perché le gelate potrebbero rovinare in modo irreparabile i rami.

Foto Credit © L.Bouvier - Fotolia.com

Tronchi protetti

Passa una mano di calce sui tronchi degli alberi da frutta in modo da protegge le fessure che si creano con le gelate
 

Casa e fai da te
SEGUICI