Gerbillo: 5 cibi di cui è ghiotto

Classifica Classifica

Il gerbillo è un roditore onnivoro molto ghiotto di semi e piccoli insetti: scopriamo di quali altri alimenti si nutre volentieri.

Animale onnivoro, il gerbillo viene di solito alimentato con pellets, miscele di vari semi, verdure e insetti.

Bisogna prestare attenzione agli alimenti e alla quantità di cibo somministrato perché il gerbillo tende a ingrassare con estrema facilità quindi, per evitare problemi di obesità, diarrea e intossicazioni, si deve seguire una dieta in cui grassi e proteine siano ben bilanciati.

Scopriamo quali sono gli alimenti di cui il gerbillo è particolarmente ghiotto.

5. Frutta

La frutta fa parte della dell'alimentazione del gerbillo ma va somministrata con parsimonia per non provocare problemi intestinali. Mele e pere possono essere date tranquillamente, di tanto in tanto, mentre occorre fare attenzione a non somministrare frutti contenenti semi che possono risultare tossici per il gerbillo come le ciliegie, le pesche o le albicocche.

4. Verdura

Anche la verdura fa parte della dieta del gerbilllo e come la frutta va data con parsimonia perché un eccessivo apporto di liquidi provoca problemi di diarrea. Molto apprezzati dal gerbillo sono asparagi, broccoli, carote, cavolfiori, finocchi, piselli, spinaci, zucchine e zucche. Le insalate vanno somministrate in minima quantità perché troppo ricche di acqua. Il gerbillo è anche ghiotto di erba medica, sia secca che fresca, che risulta ottima soprattutto per le gerbille gravide.

3. Insetti

Molto graditi dai gerbilli sono gli insetti che costituiscono un'ottima fonte di proteine. Tra gli insetti più semplici da reperire vi sono le larve, in particolare la camole della farina o del miele e i grilli. Non è obbligatorio fornire questo tipo di alimento ma essendone il gerbillo molto ghiotto lo renderemo sicuramente più contento.

2. Mix di semi

I semi costituiscono un’importante fonte di nutrimento per i gerbilli. È bene somministrare una vasta gamma di semi come quelli del grano, dell’orzo, del mais e dell’avena. Il gerbillo è molto ghiotto di semi di girasole ma essendo questi dei semi di tipo oleoso, particolarmente ricchi di grassi, sarebbe meglio somministrarli solo in via eccezionale, una volta ogni tanto.

1. Fieno

Molto amato dal gerbillo è il fieno che costituisce la sua principale fonte di nutrimento: utile per contrastare processi di fermentazione intestinale, il fieno svolge anche l’importante funzione di consumare i denti del gerbillo che sono a crescita continua.

Animali e cuccioli
SEGUICI