Altri animali

Il coronavirus lascia i paguri della Thailandia senza una casa

In Thailandia, la scarsità di turisti durante i mesi della pandemia da Covid-19, ha provocato una proliferazione senza precedenti di paguri. 

In Thailandia, la scarsità di turisti durante i mesi della pandemia da Covid-19, ha provocato una proliferazione senza precedenti di paguri. 

Una delle tante conseguenze del covid è stata la caduta della attività turistiche e degli spostamenti delle persone, ragioni che hanno avuto delle ripercussioni sulla natura: in particolare gli animali hanno riconquistato tutti quegli spazi che l'uomo aveva occupato.

In Thailandia, ad esempio, il calo del turismo ha determinato una proliferazione dei crostacei senza precedenti.

I paguri della Thailandia senza una casa

I paguri che vivono nel Mu Koh Lanta National Park, sono aumentati di qualche decina di migliaia e sono arrivati al punto tale da non avere sufficienti conchiglie in cui rifugiarsi. I paguri senza casa, ritrovandosi con un numero scarso di conchiglie, hanno finito per adattarsi a vivere dentro lattine e tappi di bottiglia.

I pagurigranchi eremiti thailandesi sono dei crostacei che non hanno un proprio guscio protettivo ma occupano le conchiglie vuote che trovano sulla spiaggia, passando da quelle più minuscole a quelle più grandi, man mano che crescono.

L'habitat dei paguri della Thailandia 

L'habitat dei paguri della Thailandia

Il parco nazionale di Mu Koh Lanta si trova nella provincia meridionale del Krabi, in Thailandia, e occupa un vasto areale che comprende 25 isole raggruppate in quattro arcipelaghi, caratterizzate da foreste pluviali, mangrovie e spiagge popolate appunto daigranchi.

L'appello a donare conchiglie 

Il direttore del parco nazionale di Mu Koh Lanta, Veerasak Srisatjung, si è rivolto all'agenzia giornalistica AFP per lanciare un appello chiedendo alle autorità di intervenire e invitando la popolazione a donare conchiglie, soprattutto quelle di forma conica che sono preferite dai paguri.

Finora il parco ha ricevuto in dono circa 200 kg di conchiglie, che saranno distribuite a partire dal 5 dicembre, giorno della festa del papà, in Thailandia.

Foto apertura: pakhnyushchyy-123RF