Pappagallino calopsite: le principali malattie

Guida Guida

Pappagallino molto intelligente e socievole, il calopsite è sempre più diffuso nelle case di quanti amano la compagnia dei volatili. Scopriamo quali sono le malattie più comuni che può conntrarre il calopsite.

Appartenente al genere Nymphicus, il calopsite della famiglia dei Cacatuidi, è un pappagallino di piccole dimensioni che arriva al massimo a trenta centimetri di lunghezza, coda compresa. Dotato di un ciuffo erettile sulla fronte, giallo nel maschio e grigio nella femmina, il calopsite è un animale molto socievole, originario dell’Australia che ben si adatta alla vita in casa.

Per mantenere in buona salute i pappagallini calopsite è importante alimentarli in maniera completa ed equilibrata e disinfettare almeno una volta a settimana la voliera in cui sono ospitati onde evitare problemi di tipo igienico e l’insorgere di malattie.

Una delle malattie più diffuse tra gli esemplari di calopsite è la megabatteriosi: si tratta di una patologia che, causata da batteri, ha un basso tasso di mortalità ma nel pappagallino provoca un eccessivo dimagrimento, mancanza di appetito e diarrea.

Foto © droth7 - Fotolia.com

Un’altra malattia piuttosto diffusa e altamente mortale è l’aspergillosi, causata da un fungo: il volatile subisce una considerevole perdita di peso associata a inappetenza, problemi nella respirazione, tosse e vomito fino al decesso.

Questi simpatici pappagallini purtroppo sono anche soggetti a infestazioni da acari: il più temibile è l’acaro rosso che, una volta raggiunto l’animale, si attacca alla sua pelle e ne succhia il sangue. Questo acaro attacca i pappagallini di notte, mentre durante il giorno resta nascosto all’interno della gabbia e quindi non è visibile. L’acaro rosso provoca nel calopsite anemia, dimagrimento e debolezza diffusa e, se colpisce i pulcini, li può condurre anche alla morte.

Altri tipi di acari piuttosto dannosi sono quelli respiratori che attaccano le vie respiratorie causando perdita di voce, tosse, dimagrimento e problemi a respirare: se la malattia non viene curata per tempo, questi acari conducono a morte per soffocamento da muco il calopsite.

Un’altra malattia piuttosto grave che può colpire il pappagallino calopsite è la candidosi, che causa dimagrimento, debolezza, formazione di placche bianche in gola e può condurre alla morte gli esemplari più giovani.

Altrettanto grave è la clamidosi che si presenta con difficoltà respiratorie, diarrea, sonno, ali pendenti e dimagrimento: pur non essendo letale è pericolosa perché trasmissibile all’uomo.

Infine altri problemi che riguardano i pappagallini di questa specie sono i pidocchi: la loro presenza si nota dal fatto che gli esemplari infestati tendono a pulirsi con il becco in maniera compulsiva le piume fino a provocarsi delle brutte ferite.

L’unico modo per evitare problemi di salute di questo tipo è sottoporre regolarmente i calopsite a visite veterinarie e curare molto l’igiene della gabbia in cui vivono.

foto Animali Volanti 

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Animali e cuccioli
SEGUICI