I migliori posti per fare birdwatching in Italia

Guida Guida

Il Bel Paese presenta così tanti habitat da permettere agli appassionati di birdwatching di avvistare uccelli ovunque e in qualsiasi stagione.

Il Bel Paese presenta così tanti habitat da permettere agli appassionati di birdwatching di avvistare uccelli ovunque e in qualsiasi stagione.

Grazie alla sua straordinaria biodiversità e alla molteplicità degli habitat, l’Italia rappresenta uno dei paesi più interessanti dove praticare il birdwatching. Sul nostro territorio si contano oltre 500 specie di uccelli, molte delle quali sono specie migratrici: praticamente in ogni stagione dell'anno è possibile avvistare splendidi volatili.

I luoghi del birdwatching in Italia

Dalle zone umide a quelle montuose, dalle foreste alle zone collinari scopriamo quali sono i migliori posti per fare birdwatching in Italia.

Delta del Po

Il Delta del Po è una delle zone italiane più apprezzate per l'osservazione degli uccelli, soprattutto di quelli tipici delle aree umide. In primavera ed estate avvengono moltissime nidificazioni ma sono tantissimi anche gli uccelli che vengono solo a svernare. In quest’area che si estende tra Emilia Romagna e Veneto, si contano circa 300 specie di uccelli tra aironi, fenicotteri, cicogne, sterne, gabbiani rapaci e tantissimi passeriformi, specie che è possibile osservare anche nell’area paludosa del delta del Danubio: le specie di uccelli in Romania sono infatti presenti anche nelle nostre zone.

Stagni costieri di Cagliari

Altra zona estremamente importante per l’avvistamenti di uccelli tipici delle zone umide, sono gli stagni vicini alla città di Cagliari, in Sardegna.
In quest’area sono state censite oltre 200 specie di uccelli tra anatre, limicoli e varie specie di passeriformi. E’ possibile inoltre osservare la nidificazione di fenicotteri, sterne, gabbiani e aironi.

Parco Nazionale del Gran Paradiso

Le montagne piemontesi del Parco Nazionale del Gran Paradiso sono il luogo ideale dove avvistare l’aquila reale e tantissimi altri rapaci come il gipeto che, grazie a un lungo e paziente programma di reintroduzione, è stato salvato dall’estinzione in queste zone.

Parco Nazionale d’Abruzzo

Altra area naturalistica importante per gli appassionati di birdwatching è il Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise. Oltre all’osservazione delle specie tipiche dell'habitat montano come il Picchio dorso bianco, il Picchio muraiolo, la Rondine montana, il Gracchio alpino, il Merlo acquaiolo e il Fringuello alpino, si possono avvistare le specie di rapaci più maestose come il Gufo reale, l’Aquila reale, e il falco pellegrino.

Stretto di Messina

Lo Stretto di Messina costituisce una zona estremamente importante per la migrazione dei rapaci in Europa ed è quindi normale che sia una delle mete più apprezzate dai birdwatchers di tutto il mondo. A partire da metà Aprile sino a fine maggio si possono avvistare il Falco pecchiaiolo, il Gheppio, l’Aquila minore, il Nibbio bruno, Falco pescatore, la Poiana e il Capovaccaio. Oltre ai rapaci si possono osservare anche tantissimi passeriformi e un elevato numero di Cicogne bianche e nere.

Foto apertura: rawpixel - 123.RF

Animali e cuccioli
SEGUICI