Altri animali

Tutto sulla volpe artica, la regina dei ghiacci in pericolo

Capace di resistere a temperature rigidissime, la volpe artica è un canide che abita gli affascinanti paesaggi delle regioni artiche e subartiche. 

Capace di resistere a temperature rigidissime, la volpe artica è un canide che abita gli affascinanti paesaggi delle regioni artiche e subartiche. 

Cacciata per anni a causa della sua morbida pelliccia, la volpe artica (Alopex lagopus), anche nota come “volpe azzurra” o “volpe grigia” o volpe delle nevi, abita i paesaggi suggestivi del Polo Nord e delle regioni artiche.

Caratteristiche della volpe artica 

Mammifero di piccole dimesioni, la volpe artica può misurare tra i 53 ai 55 cm e pesare circa 4 kg. Le orecchie di questo canide sono più piccole e rotondeggianti rispetto quelle della volpe rossa e il suo folto manto, cambia colore in base alle stagioni.

Dove vive la volpe artica 

Le volpi polari vivono nelle aree artiche e subartiche del pianeta e dunque son presenti nel Nord America (Canada, Nunavut e Alaska) nell’Europa Settentrionale (Islanda, nord della Scandinavia e Svalbard), in Groenlandia e nel nord della Russia.

La resistenza alle temperature più estreme 

Abituata a vivere in un ambiente polare con un clima rigidissimo, la volpe delle nevi riesce a sopportare temparature che scendono a 50 gradi sotto zero.

Comportamento della volpe artica 

Le caratteristiche della volpe articaFoto: Ondrej Prosicky-123RF

La volpe artica vive in grandi tane, scavando in terreni privi di ghiaccio un complesso sistema di tunnel che può arrivare fino a un chilometro quadrato. Il colore della pelliccia permette a questo canide di mimetizzarsi con facilità nell'ambiente circostante, nascondendosi alla vista dei predatori.

Cosa mangia la volpe artica 

La volpe delle nevi si ciba di lepri artiche, uccelli, pulcini, topi, ma soprattutto di lemming, cioè dei piccoli roditori artici, e talvolta persino cuccioli di foca rimasti indifesi. Integrano la sua dieta, resa flessibile per meglio adattarsi al clima rigido, anche uova, molluschi, ricci di mare, alghe e bacche.

Come si riproduce la volpe artica 

Le volpi delle nevi sono sostanzialmente monogame e tendono a formare coppie stabili. Le femmine partoriscono in primavera, dopo una gestazione di 52 giorni circa, e le cucciolate sono molto numerose e possono arrivare a 15 cuccioli, anche se il tasso di mortalità è alto.

Perché la volpe artica è in pericolo? 

Cacciata fino a non poco tempo fa per la sua pregiata pelliccia, la volpe artica oggi si trova in un buon stato di conservazione anche se è considerata a rischio solo nelle zone subartiche della Lapponia. Oggi la caccia alle volpi polari è proibita nella maggior parte dei paesi e rigidamente regolamentata in quei pochi in cui è ancora permessa.

La pelliccia di volpe artica 

La pelliccia della volpe artica cambia colore a seconda delle stagioni: in inverno è bianca, talvolta tendente al grigio, mentre in estate la colorazione vira verso il bruno con sfumature blu.

I cambiamenti climatici 

Il pericolo per la volpe artica oggi è rappresentato non tanto dall'uomo e dalla caccia, quanto piuttosto dai cambiamenti climatici che minacciano il suo habitat, sul cui delicato equilibrio si basa anche tutta la catena alimentare.

Foto apertura: Ondrej Prosicky-123RF