special

Natale 2020

Ricette, lavoretti, decorazioni, regali da scegliere con cura per le persone del cuore. Questo Natale 2020 sarà diverso da tutti gli altri, ma non per questo dobbiamo rinunciare a festeggiarlo. 

Vai allo speciale
casa

Zelten, il dolce di Natale del Trentino

  • Difficoltà

    facile

  • Categoria

    Dolci

  • Porzioni

    8

  • Tempo preparazione

    45 min

  • Tempo cottura

    30 min

  • Tempo totale

    75 min

  • Cucina

    Italiana

  • Cottura

    Forno

Bassa, tempestata di frutta secca e profumata come poche: la torta del Natale trentino, sua maestà lo Zelten.

Bassa, tempestata di frutta secca e profumata come poche: la torta del Natale trentino, sua maestà lo Zelten.

Lo zelten, dolce natalizio del Trentino Alto Adige, è una delizia profumata e ricca di gusto. Si presenta come un pane dolce ed è espressione della cucina povera, quella del contadino, insomma.

Nella regione non è Natale se non lo si porta in tavola. Ma dove nasce, e come si prepara? Eccolo spiegato passo per passo.

Che cos'è lo zelten 

La ricetta originale dello zelten – anche se non ne esiste un'unica versione - ci regala un pane basso e irregolare tempestato di frutta secca e candita. Gli ingredienti dello zelten variano di zona in zona, ma è la sostanza che non cambia, ovvero la base di farina (di segale), zucchero, burro e uova.

Origini e significato del dolce trentino

Il nome del dolce di Natale deriva dal termine tedesco selten, che significa “raramente”. Da qui si evince il fatto che non si tratti di un dolce abituale da trovare in tavola, ma che è riservato alle occasioni importanti come il Natale è. Inoltre, in origine era un dono culinario che le ragazze facevano ai loro futuri mariti.

Zelten, la ricetta tradizionale facile

Preparare lo zelten a casa è semplicissimo. Richiede diversi ingredienti, è vero, ma oltre a essere una bomba calorica (quale dolce natalizio non lo è?) regala grandi soddisfazioni al palato. Completa l'atmosfera magica delle festività. Ecco cosa vi serve e come procedere.

Zelten, il dolce natalizio tradizionale trentino

Foto enzodeber © 123RF.com

Ingredienti

  • 400 g di farina
  • 3 uova
  • 250 g di zucchero
  • 150 g di burro
  • 100 g di fichi secchi
  • 100 g di uvetta
  • 100 g di pinoli
  • 100 g di mandorle
  • 100 g di noci
  • 100 g di cedro candito
  • 2 bustine di lievito
  • 1 pizzico di sale
  • 4 cucchiai di rum

Preparare lo zelten: il procedimento

  1. La sera precedente tritate grossolanamente la frutta secca e versatela in una ciotola.
  2. Unite il rum, mescolate e fate macerare per 12 ore.
  3. Il giorno seguente lavorate i tuorli con lo zucchero per qualche minuto.
  4. Unite il burro sciolto allungato con circa 120 ml di acqua tiepida.
  5. Mescolate e fate riposare 30 minuti.
  6. Unite adesso la farina, il sale e per ultimi gli albumi montati a neve ferma.
  7. Dividete l’impasto in due parti uguali ed unite ad ognuna una bustina di lievito per dolci.
  8. Distribuite l'impasto in due differenti tortiere imburrate ed infarinate.
  9. Fate cuocere in forno caldo per 30 minuti a 220 gradi.

Le due versioni dello zelten 

Tante sono le varianti dello zelten, ma le più diffuse possono essere considerate due. Lo zelten trentino, nel quale la quantità di frutta rispetto alla pasta è maggiore, e quello che del Tirolo e di Bolzano, nel quale abbonda invece la frutta.

Resta in ogni caso una torta bassa molto ricca, le cui origini sono legate alla cucina tirolese: la storia dello zelten ci riporta alle classiche ricette della nonna, così come quella dello strudel del Trentino o come la ricetta trentina delle frittelle di mele, entrambe due specialità della regione.

Come si conserva lo zelten 

Lo zelten si conserva diverse settimane, prova ne è il fatto che, per tradizione, si realizza circa 15 giorni prima del Natale.

Il vero zelten dura addirittura un mese senza subire alterazioni: avvolgetelo nella pellicola o in un canovaccio pulito e tenetelo in un luogo fresco.

Un consiglio? Gustatelo con un bicchierino di liquore nocino.

Foto di apertura enzodeber © 123RF.com