special

Yummy dummies - ricette a prova di incapacy

In cucina non sempre è vero che a tutto c’è rimedio, ma è vero che dietro ogni abominio culinario c’è sempre un perché e ve lo spiega Sofia, in arte Cucinare Stanca. Tutti i venerdì su DeAbyDay!

by Cucinare Stanca

Vai allo speciale
Foodies

La panzanella, una ricetta pesante

  • Difficoltà

    facile

  • Categoria

    Piatti Unici

  • Porzioni

    4

  • Tempo preparazione

    20 min

  • Tempo totale

    riposo + 20 min

  • Cucina

    italiana

  • Cottura

    senza cottura

Ci può essere anche un'insostenibile pesantezza anche in un giorno di festa, o in una settimana di ferie. Lo diceva Leopardi e ne è convinta anche Sofia, che ci propone una ricetta senza troppi sbattimenti, ma indiscutibilmente perfetta: la panzanella.

Ci può essere anche un'insostenibile pesantezza anche in un giorno di festa, o in una settimana di ferie. Lo diceva Leopardi e ne è convinta anche Sofia, che ci propone una ricetta senza troppi sbattimenti, ma indiscutibilmente perfetta: la panzanella.

Dite che fa caldo per scomodare Leopardi il 23 luglio? Forse sì, però è l’unico che parla ai nostri cuori illusi e oberati di cose da fare, per ricordarci che forse la previsione della festa è più bella della festa stessa.

Per molti di noi si avvicinano le ferie, e almeno io, come ogni anno da quando lavoro, provo una certa euforia al pensiero di non fare niente per quasi 20 giorni (fosse vero). Questa euforia in realtà però, come ogni sensazione vagamente positiva che mi investe, dura poco. Dura fino alla prima mattina del primo giorno di ferie in cui, sebbene non abbia la sveglia alle 6.40, mi sveglio addirittura alle 6.30 con occhi sbarrati, vuoti, mi sento persa, non so cosa devo fare. Ma allora che erano ste ferie? Non mi sentivo più contenta il giorno prima, immaginandole? Che cosa stavo aspettando esattamente?

Com'è che in ferie siamo ancora più stressati?

Che Leopardi mi perdoni se cito "Il sabato del villaggio", ma anche lui evidentemente le ferie le viveva male. La domanda di fondo di Giacomo, esattamente come la mia è: ma la vera festa forse è l’attesa della festa? Tutto quello che si era immaginato sulle ferie, l’organizzazione, il countdown che fate sui social, scemetty miei, era forse meglio delle ferie? Perché come nel sabato del villaggio - ma non solo del villaggio di Leopardi, oserei dire del villaggio del mondo - dopo il sabato viene la domenica, che è più bella quando ci pensiamo che quando la viviamo.

Perché noi incapacy, nel momento - inutile ribadirlo - non ci sappiamo stare, quindi la domenica mattina già iniziamo a pensare che il lunedì ci sta col fiato sul collo e tutto ricomincia come sempre, inesorabile e crudele.

Quando l'attesa è migliore della resa

Cosa voglio dire con questo? A voi niente, forse perché voi sapete farlo già adesso, quindi lo dico a me stessa. Vivere nell’idea della festa come unico pensiero trainante, che ci fa sopportare le nostre giornate da 205 ore, cercare di anticipare col pensiero il momento successivo a quello insopportabile che viviamo per me non funziona. 
Una soluzione come sempre non ce l’ho, o meglio non ho un’unica soluzione, quello che vorrei fosse possibile per me sarebbe distribuire su ogni giornata un po’ di quella leggerezza che immagino caratterizzi le ferie. Per non arrivare al 6 agosto talmente piena di speranze che poi, come ogni volta che conoscete qualcuno su Tinder e ci parlate senza conoscerlo di persona per troppo tempo, rimanete puntualmente delusi al momento dell’incontro. Quindi vorrei non vivere solo di picchi, fare una vita più “media”, ma più sostenibile quotidianamente.

Ricetta antisbattimenti

Dopo questo picco di pesantezza, invece, non penso che a qualcuno vada di cucinare, meno che mai a me. Però per sfatare il mito che solo da grandi sbattimenti vengono grandi risultati, vi propongo di inserire un po’ di leggerezza nelle vostre giornate, soprattutto al mare, senza preparare quei panini con le melanzane fritte al sugo che vedo che ogni tanto sfoderate, arrivando in spiaggia alle ore 14.30. Alzatevi presto, lo so che già lo fate, prendete la panzanella che avete preparato la sera prima e andate al mare.

Cosa vi serve:

Ingredienti

  • 300 g di pane toscano raffermo, sciapo come voi incapacy cocoriti, 
  • 250 g di pomodori rossi
  • 1 cipolla rossa
  • 1 cetriolo
  • Basilico
  • 250 g d’acqua per ammollare il pane
  • 50 g d’acqua e 50 g d’aceto per le cipolle
  • Olio Evo
  • Un paio di cucchiai di aceto per condire
  • Sale
  • Pepe nero

La ricetta (difficilissima!) della panzanella a prova di Incapacy 

  1. Tagliate a fette abbastanza spesse il pane e, disponetelo in una teglia o in una ciotola, dove vi pare (state in ferie, non vi comanda nessuno, solo io), e versateci sopra i 250 g d’acqua.

    Pane per panzanella

  2. Affettate la cipolla (io direi finemente, ma dipende se vi piacciono i tocchi di cipolla sotto ai denti), e mettetela a bagno con l’acqua e l’aceto: noterete che un po’ si smorzerà il suo sapore (che se vi dovete bacià con qualcuno tanto di guadagnato) e prenderà un bel colore fuxia allegro.
  3. Sbucciate i cetrioli e tagliateli finemente.
  4. Fate una dadolata di pomodori, conservando ovviamente l’acqua di vegetazione.

  5. Riprendete il pane: se è troppo inzuppato perché non sapete pesare l’acqua, strizzatelo leggermente e “sfragnatelo” in una ciotola, scolate le cipolle e unitele al pane insieme ai pomodori e ai cetrioli, condite con abbondante sale, olio, pepe, tanto basilico e i due cucchiai di aceto.
  6. Fate raffreddare in frigorifero anche per una notte, così tutto si insaporisce bene (ma comunque minimo un paio d’ore), e andate al mare, con la borsa frigo, le ciabatte, l’asciugamano e un libro leggero, magari non Leopardi.

Ciao cocority, come dico sempre, se vivessimo del mondo che abbiamo sotto ai piedi e non di quello che abbiamo in testa, sarebbe sempre festa!

>>Leggi anche: "Come riconoscere un buon gelato: i consigli di Cucinare Stanca"
>>Leggi anche: "I 7 orrori in pasticceria secondo Cucinare Stanca"

Foto: Ilaria Muri