Le classifiche

Sostituire la plastica: 10 oggetti per la vita quotidiana

Sostituire la plastica monouso utilizzando alternative ecosostenibili, in acciaio, vetro e fibre naturali è un'azione che può davvero avere un impatto positivo sulla riduzione dei rifiuti e dell'inquinamento. 

Sostituire la plastica monouso utilizzando alternative ecosostenibili, in acciaio, vetro e fibre naturali è un'azione che può davvero avere un impatto positivo sulla riduzione dei rifiuti e dell'inquinamento. 

È il materiale del 21esimo secolo, ma è anche quello cui sia addebita la maggiore causa di inquinamento del Pianeta. La plastica, soprattutto quella monouso, è ormai da più parti additata come il vero flagello del nostro ambiente e basta soffermarsi un attimo a pensare e a vedere di cosa ci circondiamo ogni giorno per rendersi conto di come se ne faccia, in tutti i campi un uso smodato. Eppure, con un po’ di attenzione, e facendo scelte di consumo consapevole è possibile davvero per eliminare la plastica, riducendone di gran lunga lo spreco, per vivere una vita plastic free e tutelare la salute del mare e dell’ambiente. 

Vita plastic free: sostituire la plastica in casa

Sostituire alcuni oggetti di uso quotidiano che normalmente abbiamo in casa e sono in plastica monouso è sicuramente un piccolo atto rivoluzionario. Sembra poco, ma se tutti trovassimo e utilizzassimo alternative alle plastica, ci sarebbe un grandissimo impatto sui consumi, sull’utilizzo delle materie prime e ovviamente sul problema dello smaltimento della plastica che, come sappiamo, è persistente nell’ambiente e anche in caso di raccolta differenziata, non può essere tutta riciclata. Ma quali sono le idee per sostituire la plastica? Quali i consigli per ridurre i rifiuti di plastica?Quali sono gli oggetti di plastica da sostituire al più presto per avere davvero un impatto positivo sull’ambiente?

Ecco allora 10 oggetti di uso quotidiano da sostituire subito per una vita plastic free.

1. Sacchetti per la spesa in stoffa 

Foto belchonock©123RF.com
 

Anche se per lo più sono state sostituite, capita ancora, in certi negozi e nei mercati rionali di trovare qualche busta di plastica. Rifiutatele e portare sempre con voi sacchetti riutilizzabili e buste di stoffa ripiegate da utilizzare per gli acquisti.

2. Shampoo, dentifricio e sapone solido

Foto tenkende©123RF.com
 

Abbandonare i flaconi e scegliere shampoo, dentifricio, detergenti e altri cosmetici solidi è un atto che riduce notevolmente l’uso della plastica monouso, oltre a garantire un risparmio economico, visto che questi prodotti solidi sono concentrati e durano più corrispettivi liquidi. 

3. Detersivi per la casa alla spina 

Foto nikkytoc©123RF.com
 

Scegliere negozi che vendono detersivi alla spina per la casa è un modo per risparmiare e far bene all’ambiente. Lavapiatti, detersivo bucato e lavatrice, sgrassatore e tanti altri detergenti vengono ormai venduti sfusi e permettono di dire addio agli ingombranti e inquinanti flaconi da 3-4 litri. 

4. Contenitori per alimenti in vetro 

Foto dolgachov©123RF.com
 

La plastica entra nelle nostre case anche per conservare alimenti e bevante. Sostituire i classici contenitori per alimenti di plastica con quelli in vetro o acciaio è un’ottima soluzione, durevole ed economica, che strizza, ovviamente, l’occhio all’ambiente. 

5. Borracce in acciaio 

Foto belchonock©123RF.com
 

Non può più mancare nelle nostre case: la borraccia è ecologica, trendy e permette di dire addio all’inutile acquisto di bottigliette d’acqua in Pet da ½ litro. Se poi, l’acqua in casa, è quella del rubinetto o filtrata da brocche e depuratori o prelevata alla casa dell’acqua, il risparmio economico e la riduzione di plastica è davvero imponente. 

6. Abbigliamento in tessuto naturale

Foto lightfieldstudios©123RF.com
 

Sembra strano, ma la riduzione della plastica in casa passa anche dai vestiti. I capi in tessuti sintetici, infatti, oltre a far bene alla pelle, sono un bene per l’ambiente visto che i capi sintetici, durante il lavaggio in lavatrice, si disperdono in acqua e contaminano il mare con le microplastiche. Insomma, scegliete cotone, lino, seta, lana: biodegradabili al 100%. 

7. Involucro naturale per alimenti 

Foto oksix©123RF.com
 

Addio ai sacchetti per congelare, alla pellicola e all’alluminio, da sostituire con alternative eco, come i fogli in tessuto trattati con cera vegetale o d’api che sono lavabili, riutilizzabili e modellabili con le mani. 

8. Spazzolino in metallo e bamboo  

Foto sonjachnyj©123RF.com
 

Usiamo almeno 4 spazzolini ogni anno, per non parlare dell'uso che fanno gli uomini dei rasoi per la barba e di quanti cotton fioc si utulizzano ogni mese. Oltre ai dischetti struccanti e alle spazzole per capelli. Fare acquisti in materiale biodegradabili o alternativo come metallo per i rasoi, tessuto per i dischetti e cartone per i cotton fioc, è di certo una scelta consapevole e saggia. 

9. Sostituire lo scotch con nastri e mollette

Foto smuay©123RF.com
 

Gli imballaggi sono una delle cose più difficili da sostituire come utenti. Scegliere i prodotti sfusi è la soluzione migliore per dire basta alla plastica. E lo stesso si può fare anche in casa, sostituento scotch adesivo e nastro isolante con mollette in legno e nastri di stoffa.

10. Spugna vegetale o in sisal

Foto efetova©123RF.com
 

Per il corpo, sotto la doccia o per i piatti, sostituire le spugne “classiche” con quelle vegetali come la luffa (una sorta di zucca che, una volta essiccata si trasforma in una trama vegetale da usare come spugna) oppure utilizzate come spugna il sacchetto a retina in sisal (fibra naturale tratta dalla pianta dell’agave) all’interno del quale si inserisce la saponetta.

Foto di apertura klenova©123RF.com