special

Fa la cosa giusta

Torna Fa la cosa giusta! L'evento, organizzato da Terre di mezzo e Insieme Terre di mezzo onlus, compie dieci anni e li festeggia a fieramilanocity dal 15 al 17 marzo. Tre giorni dedicati interamente allo stile di vita sostenibile con una serie di appuntamenti imperdibili.

Vai allo speciale
Vivere eco

Come funziona la coltivazione idroponica

Scopri cos’è e come si fa una coltivazione idroponica che non necessita di terra e può avere anche sviluppo verticale.

Scopri cos’è e come si fa una coltivazione idroponica che non necessita di terra e può avere anche sviluppo verticale.

L’idroponica è una tecnica di coltivazione dalle origini antiche che utilizza l’acqua per far crescere le piante fuori dal suolo, cioè senza che queste abbiano bisogno della terra. L’idroponica, detta anche idrocoltura, è una coltivazione di tipo indoor che puoi praticare tranquillamente a casa tua o sul tuo balcone.

Questo sistema di coltivazione attualmente conosce un grande successo grazie ai risultati efficienti ed ecologicamente sostenibili che è in grado di offrire: orti urbani, giardini verticali e scenografiche pareti verdi che ricoprono palazzi ed edifici ne sono l’esempio più lampante.

Contrariamente a quanto si può pensare una coltivazione idroponica necessita di poca acqua perché il principio che sta alla base è un funzionamento a ciclo continuo: ogni vaso assorbe una soluzione a base d’acqua e sostanze nutritive da una vasca in cui è immerso, bagna le radici della piantina che contiene e poi fa ricadere la soluzione attraverso il substrato d’ancoraggio traspirante nella vasca di partenza.

A seconda delle esigenze i vasi possono essere di varie dimensioni e di materiali differenti: è preferibile che siano scuri per non far penetrare la luce. Il substrato di ancoraggio delle radici può essere a base di argilla espansa, perlite, vermiculite, fibra di cocco, cubetti di lana di roccia, zeolite.

La soluzione nutritiva, che deve essere costantemente ossigenata da una pompa ad aria, è a base d'acqua ed elementi inorganici, indispensabili alla normale nutrizione minerale delle piante come l’azoto, il fosforo e il potassio.

Decidere di realizzare in casa propria un giardino o un orto idroponico rappresenta una scelta ecologica sostenibile anzitutto per una questione di spazi perché l’orto o il giardino idroponico, essendo leggero e mobile, può occupare spazi limitati, se non addirittura svilupparsi verticalmente.

Inoltre è un sistema di coltivazione molto economico poiché garantisce una crescita superiore rispetto alla tradizionale crescita in terra e necessita di poca acqua, infatti se ne risparmia circa l’80% grazie al sistema di recupero e riciclaggio. Infine non si inquina l’ambiente utilizzando pesticidi per debellare malattie delle piante perché non si sviluppano né virus né batteri nel suolo dato che questo è assente. 

foto © Kenishirotie - Fotolia.com

Tipsby Dea

Sistema idroponico fai da te

In commercio sono in vendita molti sistemi idroponici; quello più semplice però lo puoi costruire da te, riciclando materiali come bicchierini in plastica, tubi per l'innaffiamento e secchi di metallo.