Film animazione: 5 eroine Disney femministe

Classifica Classifica

Queste bellezze non restano ad aspettare che il principe azzurro le salvi: si salvano da sole!

Non solo favole a lieto fine, ma vere e proprie lezioni di vita: i film animazione Disney hanno fatto la storia, e continuano a farla ancora oggi, adeguandosi però ai tempi che corrono e al progresso.

E così, se l’eroina per antonomasia diversi decenni fa era Aurora, la Bella Addormentata che aspetta passivamente che il principe venga a salvarla con un bacio, nel corso degli anni il concetto di “eroina” si è evoluto mettendo davvero al centro la donna, e puntando su protagoniste in grado di esprimere davvero tutta la potenza del “girl power”: ecco 5 eroine Disney femministe che hanno rivoluzionato i canoni della “fiaba”.

1. Elsa

via GIPHY

Al primo posto non può che piazzarsi lei, la regina del Regno di Ghiaccio: Elsa, la bionda protagonista di Frozen, deve affrontare la decisione dei genitori di farla vivere da reclusa a causa dei suoi poteri, riesce finalmente a conquistare l’indipendenza… e finisce per doversi proteggere da qualcuno che vuole ucciderla per conquistare il trono di Arundell. Eppure non si fa spaventare: lascia la sua casa non per paura, ma per sentirsi veramente libera e realizzarsi per ciò che davvero è, senza timore di essere giudicata. La morale? Let it go, sempre! 

2. Moana 
 

via GIPHY

Moana è una delle più “nuove” eroine Disney, e rispecchia il cambiamento che sta vivendo la società: protagonista indiscussa del film che porta il suo nome, non deve affrontare la conseguenze di un matrimonio imposto, della morte dei genitori o di minacce imprecisate dirette proprio a lei, ma semplicemente è curiosa di sapere cosa può conquistare nella vita: vuole andare dove nessuno è mai stato prima, osare ciò che mai è stato realizzato, per salvare il suo villaggio. Senza timore di incontrare ostacoli sul suo cammino, e di superarli tutti da sola.

3. Mulan

via GIPHY

Mulan è la prova che volere e potere. Soprattutto quando si parla di donne: personificazione del girl power, le tenta tutte, fingendosi persino un uomo e “mortificando” il suo grazioso aspetto femminile per proteggere il padre ed evitare che, ormai ammalato, debba entrare a far parte dell’esercito cinese. Dimostrando che una donna non ha niente da invidiare a un uomo in termini di forza, coraggio, caparbietà e intelligenza, e scardinando stereotipi e pregiudizi.

4. Merida

via GIPHY

Ribelle proprio come i suoi lunghi capelli rossi, Merida è un vero maschiaccio, e come tale si comporta. Rifiutando di essere incastrata in un matrimonio arrangiato, e lottando per farsi valere e per dimostrare tutta la sua forza. A renderla un’eroina femminista c’è poi il suo aspetto fisico, che poco rispecchia i canoni delle principesse perseguiti da Disney per tanti anni.

5. Pocahontas

via GIPHY

La protagonista del film d’animazione che porta il suo nome è davvero speciale: libera, caparbia, coraggiosa, ma con un cuore grande. Non è lei a essere salvata (perché ci pensa da sola, tante grazie), ma è lei a salvare, nello specifico l’arrogante John Smith, che alla fine arriverà a guardare Pocahontas - e le donne - in un modo completamente differente.

Foto: belchonock / 123RF Archivio Fotografico

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Genitori e bambini
SEGUICI