Tempo Libero

Libri 2020: la nostra top ten

Da Le imperfette di Federica De Paolis a La città dei vivi di Nicola Lagioia, dieci volumi usciti quest’anno da leggere assolutamente.

Da Le imperfette di Federica De Paolis a La città dei vivi di Nicola Lagioia, dieci volumi usciti quest’anno da leggere assolutamente.

Il 2020 è stato un anno particolare: durante i suoi 366 giorni, siamo stati a lungo lontano dai nostri cari, ci siamo abituati a mille divieti e abbiamo trascorso in casa più tempo di quanto avremmo desiderato. Con i locali chiusi e il coprifuoco in vigore, abbiamo trascorso tante serate “divorando” film, serie tv e libri. Al termine di un anno sicuramente da dimenticare, ecco invece 10 libri da ricordare (dopo averli letti, of course).

Le imperfette – Federica De Paolis

Scritto da Federica De Paolis e pubblicato da DeA Planeta, Le imperfette è un romanzo familiare in grado di indagare quel groviglio interiore di emozioni che ci portiamo dentro. La protagonista, Anna, ha apparentemente una vita perfetta: due bambini meravigliosi, un padre che la adora e un marito chirurgo estetico. Ma ha anche un amante. Recita una parte, senza saperlo. O forse non vuole saperlo: si ritroverà a fare i conti con l’imperfezione, in un libro centrato sul tema delle apparenze e sulla necessità di prendere coscienza di sé stessi.

Lo specchio e la luce - Hilary Mantel

Con Lo specchio e la luce, che racconta gli ultimi anni della vita di Thomas Cromwell, Hilary Mantel chiude la trilogia iniziata con Wolf Hall e proseguita con Anna Bolena, una questione di famiglia. Acclamato dalla critica britannica e pubblicato in Italia da Fazi, questo libro a metà tra saggio e romanzo storico è un avvincente affresco degli eventi che segnarono la storia dell’Inghilterra nel XVI secolo.

Un'amicizia - Silvia Avallone

Scritto da Silvia Avallone e pubblicato da Rizzoli, con il pretesto di narrare la storia di un’amicizia questo romanzo affronta in realtà la contraddizione tra l'essere e il sembrare sui social network. Lo fa attraverso gli occhi e i ricordi di Elisa, 34enne aspirante scrittrice schiva e un po’ all’antica, che rievoca il suo profondo legame con Beatrice, star del web di cui i suoi follower credono di conoscere tutto. Ma della quale in realtà non sanno niente.

Seni e uova - Mieko Kawakami

Pubblicato in Giappone nel 2007, Seni e uova è arrivato in Italia nel 2020 grazie a Edizioni e/o. Le vicende di questo romanzo, che si volgono all’inizio degli Anni Duemila, affrontano temi senza tempo per le donne, dall’arrivo delle mestruazioni al rapporto con il proprio corpo, fino al sesso, tutto filtrato dallo sguardo dell’aspirante scrittrice Natsuko: un romanzo forte, quello di Mieko Kawakami, che catapulta il lettore in una quotidianità nipponica ostile alle donne e dove ancora regna il patriarcato.

La morte di Gesù - John Maxwell Coetzee

Premio Nobel per la letteratura nel 2003, il sudafricano John Maxwell Coetzee è una garanzia: con questo romanzo, edito da Einaudi, torna a esplorare il mondo de L'infanzia di Gesú e I giorni di scuola di Gesú, con le stesse atmosfere evocative, gli enigmi e le inaspettate dolcezze dei primi due capitoli. Con La morte di Gesú, il cui il piccolo David improvvisamente misconosce i genitori adottivi e decide di trasferirsi in un orfanatrofio, Coetzee continua a cercare il significato di un mondo privo di memoria ma pieno di domande.

La valle oscura - Anna Wiener

La valle oscura del titolo di questo libro è la Silicon Valley. A raccontare minuziosamente le sue dinamiche, ma senza fare nomi e cognomi, è Anna Wiener, che stanca di un lavoro  sottopagato nell’editoria a New York vi si trasferì scommettendo sulla rivoluzione digitale nel 2013. Trovando misoginia, razzismo, sovraffaticamento, ripetitività, tossicità, freddezza nei rapporti umani e tanto spionaggio. Caso editoriale negli Stati Uniti, La valle oscura è pubblicato in Italia da Adelphi.

Oggi faccio azzurro – Daria Bignardi

Daria Bignardi è tornata in libreria con un romanzo che, legato al mondo dell’arte (il titolo è una citazione del Der Blaue Reiter, gruppo di pittori attivi a Monaco a inizio Novecento), affronta il tema del dolore e del rapporto con l'altro, che in fondo è il rapporto con noi stessi. Una storia a tratti comica e a tratti struggente, con protagonista Galla, che esce di casa solo per vedere la psicanalista e andare in carcere, dove canta con altre dieci volontarie in un coro di detenuti tossicodipendenti. Oggi faccio azzurro è edito da Mondadori.

Abbandonare un gatto - Murakami Haruki

Tra i migliori libri del 2020 c’è anche Abbandonare un gatto, pubblicato da Einaudi e scritto da Murakami Haruki, uno dei più famosi autori giapponesi. Che, per la prima volta, mette da parte la filosofia orientale per raccontarsi come uomo. In questo volume Murakami Haruki ripercorre la sua infanzia e rivela diversi particolari del rapporto con il padre, con il quale non è sempre andato d'accordo, ma con cui ha passato tanti momenti: come il giorno, appunto, in cui andarono insieme ad abbandonare un gatto.

La casa sul’argine – Daniela Raimondi

Pubblicato da Editrice Nord, La casa sull’argine è di Daniela Raimondi il romanzo ideale per gli appassionati di saghe familiari. Protagonista del libro sono i Casadio, gente semplice e lavoratrice che vive da sempre nel borgo di Stellata, all'incrocio tra Lombardia, Emilia e Veneto: a cambiare per sempre la storia di questa famiglia sarà, all’inizio dell’Ottocento, il matrimonio tra Giacomo e la zingara Viollca Toska.

La città dei vivi – Nicola Lagioia

L’ultimo libro di Nicola Lagioia racconta uno dei casi di cronaca nera più sconvolgenti degli ultimi anni, senza tralasciare gli elementi raccapriccianti emersi durante le indagini: l’efferato omicidio di Luca Varani,  seviziano per ore in un anonimo appartamento della periferia romana e poi ucciso da Manuel Foffo e Marco Prato. Un orrore senza un perché, a cui Lagioia prova a dare risposta affrontando una discesa nella notte di Roma. Sky ha già annunciato che La città dei vivi, pubblicato da Einaudi, diventerà anche una serie.