Tempo Libero
Tempo Libero

Eurovision Song Contest 2022: come funziona la gara

Come funzionano semifinali e finale, le canzoni su cui puntano i bookmakers, gli ospiti più attesi, più alcune curiosità. Le cose da sapere.

Come funzionano semifinali e finale, le canzoni su cui puntano i bookmakers, gli ospiti più attesi, più alcune curiosità. Le cose da sapere.

Da manifestazione di secondo piano a concorso canoro da non perdere assolutamente, né come spettatore, né tantomeno come partecipante, sull’onda dell’effetto Maneskin. È tutto pronto per l’Eurovision Song Contest che, dopo il trionfo della band italiana nella scorsa edizione, viene ospitato nel 2022 in Italia. Ecco tutte le cose da sapere.

Eurovision Song Contest, l’Italia Paese ospitante

L'Italia ospita per la terza volta nella sua storia l'Eurovision Song Contest. Dopo Napoli (1965) e Roma (1991), nel 2022 tocca a Torino. Sede del grande evento il PalaOlimpico. Lo slogan scelto per l’Eurovision “piemontese” è The Sound of Beauty: come a dire che, in questa occasione, la bellezza dell’Italia si unisce a quella musicale. La conduzione della kermesse canora è stata affidata al trio composto da Laura Pausini, Alessandro Cattelan e Mika: per regolamento i presentatori devono sapere l'inglese e, almeno uno di loro, il francese (in questo caso Mika).

Eurovision Song Contest, i Paesi partecipanti

Dopo l’esclusione della Russia, sono diventati 40 i Paesi partecipanti all’Eurovision Song Contest 2022. Cinque di essi, i cosiddetti Big Five, accedono direttamente alla finale: sono Italia, Francia, Regno Unito, Spagna e Germania. I primi due hanno diritto di voto nella prima semifinale, gli altri tre nella seconda. Alle semifinali, che inizieranno con l’esibizione dell’Albania, partecipano dunque 35 Paesi: 17 la prima sera e poi 18 nella seconda. Si qualificheranno alla finale in 21, per un totale di 26 partecipanti all’ultima serata. L’Italia è in gara con Mahmood e Blanco, che presentano la loro Brividi vincitrice a Sanremo. Ma c’è anche un altro italiano in gara: Achille Lauro, che con Stripper rappresenta San Marino. Chiariamo una cosa: per partecipare all'Eurovision non devi far necessariamente parte dell'Unione Europea. Basta essere membro attivo dell'UER, cioè far parte della zona europea di radiodiffusione, o essere in un paese membro del Consiglio d'Europa. Infatti diversi paesi geograficamente al di fuori dei confini dell'Europa: Israele, Cipro, Armenia, Marocco, Nord Africa, Australia,Turchia, Russia, Georgia e Azerbaigian.

Eurovision Song Contest, quando e come seguirlo

La 66esima edizione dell’Eurovision Song Contest sarà trasmessa da Rai 1. Semifinali il 10 e il 12 maggio, finale il 14, sempre con il commento di Gabriele Corsi e Cristiano Malgioglio, con la partecipazione di Carolina Di Domenico. La diretta verrà trasmessa anche da Rai Radio 2.

Eurovision Song Contest, il regolamento del concorso

Il regolamento attuale è stato adottato per la prima volta nel 2009. Consiste in una combinazione di voto di giurie nazionali di qualità (composte da professionisti della musica) e di televoto, che hanno lo stesso peso. C’è un vincolo: una nazione non può votare per il proprio artista, né con il televoto, né tramite la giuria. Quest’ultima vota compilando una graduatoria delle dieci canzoni che hanno preferito: i brani riceveranno da un massimo di 12 punti a un minimo di 1. L'altro 50% del punteggio finale è dato dal televoto, quindi dall'opinione espressa dal pubblico a casa. In caso di arrivo a pari punti in testa, c’è lo spareggio: vince la canzone che ha ricevuto punti dal maggior numero di Paesi. In caso di ulteriore parità, a vincere è il Paese che ha ricevuto più volte i 12 punti. Nel caso i Paesi continuino ad essere in pareggio, si va avanti con i dieci punti, gli otto, e così via. Il Paese vincitore di ogni edizione è impegnato poi a ospitare quella successiva.

Eurovision Song Contest, i favoriti di questa edizione

È l’Ucraina la grande favaorita dell’Eurovision Song Contest. Il Paese è rappresentato dalla Kalush Orchestra con il brano Stefania, dalla melodia orecchiabile. La vittoria del gruppo formato da Ihor Dudenchuk, MC Kilimmen e Oleh Psjuk, è innegabile, avrebbe anche un significato politico. Questo potrebbe aver influito sulle valutazioni dei bookmakers, che vedono come secondi favoriti Mahmood e Blanco, i quali potrebbero regalare all’Italia una storica doppietta. Terzo gradino virtuale del podio per la Svezia la sua rappresentante Cornelia Jakobs, che canterà Hold me closer. Tra i favoriti figurano poi il Regno Unito che porta a Torino il fenomeno social Sam Ryder e la Spagna, con l’attrice-cantante di origini cubane Chanel Terrero. Curiosità: i rappresentanti della Finlandia sono i The Rasmus, che a inizio anni Duemila avevano avuto un grande successo, anche da noi, con In the Shadows.

Eurovision Song Contest, le curiosità del regolamento e gli ospiti del 2022

I Paesi che partecipano all’Eurovision Song Contest possono selezionare cantanti senza vincoli di nazionalità, basti ad Achille Lauro che nel 2022 rappresenta San Marino. Ma c’è un esempio ben più illustre: nel 1988 la Svizzera vinse con la cantante canadese Céline Dion.

I cantanti in gara all’Eurovision devono avere almeno 16 anni di età e… non essere in troppi sul palco. Il regolamento attuale ammette al massimo la presenza di sei artisti, anche in caso di band. È così dal 1971: nelle prime edizioni, dal 1956 al 1962, potevano salire sul palco solo solisti e duo, successivamente fu poi concessa la possibilità di avere un coro di massimo tre persone. Senza il cambio di regolamento, non avremmo mai avuto gli Abba con Waterloo nel 1974.

Capita spesso che i vari artisti adattino il testo della loro canzone, riscrivendone una parte o la totalità del testo in inglese, per venire incontro al pubblico internazionale. Che cosa dice il regolamento? Che i brani in gara possono essere in qualsiasi lingua, persino una inventata.

La lingua inventata non comporterebbe pericoli, quelle vere sì: i brani in gara, che ovviamente non possono essere delle cover, non devono avere contenuti politici, pubblicitari o offensivi. Lo stesso vale per scenografie e coreografie (vietati gli animali).

Ogni edizione dell’Eurovision prevede la presenza di ospiti locali. Nella semifinale di martedì ci sarà in apertura un medley dance con Dardust, Benny Benassi, Sophie and the Giants e la direttrice d'orchestra Sylvia Catasta. Nell'intervallo Diodato, che doveva partecipare all'Eurovision 2020 poi cancellato per il Covid, canterà Fai rumore. Giovedì nell'intervallo si esibirà il trio Il Volo con Grande amore, seguito da un duetto tra Mika e Pausini. Ad aprire la finale sarà la consueta parata di bandiere accompagnata dall'ensemble dei Rockin' 1000 con Pausini, che esibirà in un medley in cinque lingue. Durante la finalissima spazio ai Måneskin, così come a Gigliola Cinquetti con Non ho l'età (vinse nel 1964) e a un medley di Mika.