Coronavirus: 5 saluti da fare a due metri di distanza

Classifica Classifica

Strette di mano e abbracci messi al bando a causa del Coronavirus. Il 'gimme five' lo riserviamo a quando ci saranno tempi migliori. Ecco cinque valide alternative.

Ti potrebbero interessare

Il tempo degli spritz e della socialità, dobbiamo metterlo da parte per un po’. Ci sarà tempo per recuperare a suoni di cin cin e, quando tutto questo sarà finalmente finito e saluteremo definitivamente il Coronavirus, faremo una festa così grande che ci ricorderà che esseri umani e solidali gli uni con gli altri possiamo comunque esserlo sempre.

Dimenticate per un attimo il "manuale di istruzione della forma", la voglia di saltare addosso al tipo che vi piace, i convenevoli ai quali ci hanno abituati fin da piccoli: evitare strette di mano, abbracci e baci per un po’ non ci farà essere meno sociali. Anzi, forse è proprio quello ci permetterà di continuare a esserlo in futuro, con un po’ di consapevolezza in più sulla nostra fragilità.

Vi suggeriamo 5 saluti alternativi per cercare di prevenire insieme l’espansione del Coronavirus.

5. Un cenno del capo e via

Mio nonno indossava sempre una coppola in testa. Quando mi salutava, gli bastava un timido cenno del capo: sollevare leggermente la testa era il suo modo speciale per dirmi di essere felice di vedermi.

via GIPHY

4. Il ciao dei bambini

Avete presente quando da bambini ci insegnano a salutare? A fare ciao con la mano? Ecco: proviamo a recuperare quel gesto tanto simpatico della mano che ondeggia da lontano. Tornare piccoli ci potrà aiutare a capire come salvare il mondo dei grandi.

via GIPHY

3. Namasté, alè

Il Tahi Wai, conosciuto in tutto il mondo come Namasté, è un saluto indiano nel quale si giungono le mani, facendo toccare i palmi l’uno con l’altro, e ci si saluta senza toccare l'altro, inclinando leggermente la testa.

via GIPHY

2. Un saluto... dal cinema

Avete mai visto il film Demolition Man? Senza voler spoilerare troppo del film, è uscito nel 1993 ed è ambientato in una società del futuro dove la gente si saluta in un modo molto particolare… guardate il video qui sotto per scoprire come fare.

1. Mi stai facendo l'occhiolino?

L’ironia è un po’ il "brodo di pollo" che ci sta facendo stare meglio in questi giorni, strappandoci qualche sorriso in mezzo alle avversità… Per questo vi consigliamo di vedere il video della simpatica nonnina di Casa Surace, che consiglia a tutti noi, i suoi nipoti virtuali, di salutarci… facendoci l’occhiolino ;) 

Foto apertura: Saksit Kuson - 123RF

Salute e benessere
SEGUICI