special

ANONIMI

Non solo alcolisti, ma anche emotivi, narcotici, mangiatori, scrittori, traduttori, artisti. Viaggio nel mondo degli anonimi (a vario titolo).

Vai allo speciale
Psiche

Emotivi Anonimi, la storia di Giuseppe

Dalla depressione alla serenità, conquistata con fatica, ma la cui ricerca è sempre stata la priorità: storia del primo 'emotivo anonimo' d'Italia. 

Dalla depressione alla serenità, conquistata con fatica, ma la cui ricerca è sempre stata la priorità: storia del primo 'emotivo anonimo' d'Italia. 

Emotivi Anonimi è arrivato in Italia grazie alla signora Carla che, su suggerimento di uno psicologo incontrato in un gruppo di Alcolisti Anonimi, ha inaugurato il percorso declinato per chi ha difficoltà a relazionarsi con le proprie emozioni anche in Italia. Per la precisione a Bardello, provincia di Varese. Abbiamo incontrato il primo aderente al programma Emotivi Anonimi, Giuseppe.

Giuseppe ha 68 anni e alle spalle tanta vita fatta di sofferenza. “Ho perso mia moglie e sono rimasto con i nostri figli, piccolini. Poi ho perso la casa e mi sono ritrovato in mezzo a una strada. Grazie al gruppo ho recuperato la serenità interiore, la cosa più importante della vita”.

Giuseppe si era anche rivolto a uno psicologo, ma l'incontro non era stato molto fortunato. “I risultati non arrivavano, forse non era quello giusto. Un conoscente mi ha consigliato di frequentare le riunioni dell'Al-Anon, gruppi in cui si riuniscono i familiari degli alcolisti. Lì ho capito che il programma faceva per me”.

Poi è arrivato l'incontro con gli Emotivi Anonimi. “Si tratta di un programma che lavora sulle emozioni – paura, ansia, depressione – che possono procurare del malessere interiore, fisico e mentale – spiega Giuseppe, che dal molti anni si occupa della gestione delle comunicazioni virtuali, tra sito internet e Facebook - È un gruppo che cerca di ristrutturare e recuperare nella persona le emozioni che ha perso nelle dipendenze”.

emotivi anonimi

Foto: Marina Pokupcic © 123RF.com

Per seguire il programma ci vogliono frequenza e impegno: l'obiettivo è arrivare alla serenità. “Bisogna ammettere gli errori, trovare la forza di superarli e chiedere perdono – racconta Giuseppe –. Io ho cambiato la mia vita e ho superato la depressione”.

Nella sua esperienza Giuseppe ha osservato l'esistenza di due tipologie di Emotivi Anonimi. “C'è chi viene ed è disperato: vedendo che nel gruppo sono tutti allegri, pensa che stanno tutti bene e quindi va via. Oppure c'è chi viene, si impegna, ma vorrebbe i risultati in fretta”. Il programma risolve i problemi personali con le emozioni, ma lavorare sul cambiamento non è facile: “Dipende da persona a persona”.

A chi vuole avvicinarsi agli Emotivi Anonimi, Giuseppe dice: “Vieni e guarda: cambiare la propria vita è possibile. Certo, si arriva quando si è pronti, ma una parte del miglioramento lo si fa proprio quando si decide di venire nel gruppo, di confrontarsi. Quello è già un grande passo perché si capisce di non essere in grado di gestire le proprie emozioni e di aver bisogno di aiuto”.

Foto apertura: Marcel De Grijs © 123RF.com

Tipsby Dea

Come contattare Emotivi Anonimi

È possibile stabilire un primo contatto attraverso il sito oppure attraverso il profilo Facebook.