Tappetino da ginnastica: come scegliere quello giusto

Guida Guida

Strumento indispensabile per gran parte degli allenamenti, il tappetino va scelto tenendo conto di diversi fattori.

Strumento indispensabile per gran parte degli allenamenti, il tappetino va scelto tenendo conto di diversi fattori.

Il tappetino è uno degli accessori fondamentali per molte tipologie di allenamento, soprattutto se “indoor”, con esercizi da fare a casa o, per esempio, finalizzati a eliminare il mal di schiena o a rassodare la parte inferiore del corpo.

Tappetino: la scelta dipende dal tipo di allenamento

Tra gli allenamenti che richiedono il tappetino ci sono sicuramente quelli a terra: addominali a casa (ma anche in palestra), esercizi in quadrupedia e stretching devono avere una base morbida per essere eseguiti in modo confortevole e senza causare dolore e fastidio, e la scelta del tappetino deve essere subordinata proprio alla tipologia di allenamento quotidiano.

Tappetino da yoga

Il tappetino da yoga e il tappetino da pilates, per esempio, sono solitamente in sottile gommapiuma, da arrotolare e portare con sé a lezione o distendere nella propria abitazione in caso di allenamento domestico: lo spessore dovrebbe essere di almeno 5 mm, per consentire di utilizzarlo anche con i piedi nudi durante la pratica.

scegliere tappetino giusto

Tappetino per attività più intensa

Più robusti, invece, dovrebbero essere i tappetini fitness usati per fare attività fisica più intensa, magari indossando scarpe da ginnastica: meglio sceglierne uno con una pellicola protettiva e di spessore maggiore.

L'importanza delle dimensioni del tappetino

Importanti, inoltre, dimensioni e modalità per ripiegarlo: se il tappetino si utilizza prevalentemente in casa si può scegliere un modello pieghevole e di dimensioni più ampie, se deve invece essere portato fuori meglio optare per un modello più leggero e meno ingombrante e che si arrotola, magari dotato di tracolla per il trasporto più comodo.

Sport e fitness
SEGUICI