I 5 errori da non fare sulla cyclette

Classifica Classifica

Dalla postura all'altezza del sellino, gli errori più comuni da evitare nell'uso della cyclette.

Ti potrebbero interessare

I benefici dell’allenamento sulla cyclette – più o meno economica compagna di workout – sono indubbi. Non basta, però, salire in sella e pedalare.

Gli errori da non commettere sulla cyclette

Per sfruttare al meglio questo utile attrezzo per l’allenamento cardio, bisogna saperlo usare, evitando alcuni degli errori che in molti commettono involontariamente. La cyclette richiede una postura corretta, una pedalata adeguata e molto altro per regalare i giovamenti che promette. Vediamo come usare la cyclette correttamente.

Foto:maridav-123RF

5. Staccare le mani dal manubrio

Le mani vanno tenute sul manubrio, e non solo per una questione di comodità. Esse, infatti, permettono che oltre le gambe, anche i glutei lavorino bene ma, ancora di più, che la schiena rimanga nella giusta posizione. Pedalando in posizione eretta saremmo naturalmente portati ad inarcare la schiena (cosa che, come vedremo a breve, non va fatta).

4. Regolare male il sellino

Importante è anche sistemare adeguatamente l’altezza del sellino: se troppo basso non permette alle gambe di stendersi e di lavorare bene; se troppo in alto, invece, provoca una scorretta distribuzione del peso, che va a gravare sia sulle anche che sui fianchi.

3. Regolare male l’altezza del manubrio

Anche in questo caso il rischio è, da un lato, di rendere inefficiente l’allenamento, dall’altro di farsi male. Posizionate il manubrio all’altezza ottimale per la lunghezza delle vostre braccia in modo da non dovervi abbassare troppo inarcando la schiena, né che dobbiate stendere eccessivamente le braccia ed assumere una posizione che non è comoda e nemmeno funzionale.

2. Postura sbagliata

Importantissima è, poi, anche la postura da tenere sopra la cyclette. La schiena deve rimanere quanto più possibile dritta. Assumendo una posizione curva non si fa altro che esercitare una pressione sulla zona lombare, che a lungo andare risulta dannosa e fonte di dolori e problemi futuri.

1. Pedalare con le punte dei piedi

Ultimo, ma non per importanza, è l’errore che riguarda la posizione dei piedi. Non bisogna pedalare con la punta di questi ultimi, ma è necessario che la pianta dei piedi rimanga parallela al pedale in ogni fase della pedalata, anche quando, dopo qualche decina di minuti, ci si è stancati.

Foto apertura:nd3000-123RF

Sport e fitness
SEGUICI