Cos'è l'edging?

Domande Domande & Risposte

 

Vi è mai capitato di pensare durante un orgasmo Mi piacerebbe durasse di più?”. La buona notizia è che è possibile fare in modo che ciò accada grazie a un’esperienza molto intesa ed estremamente piacevole che porta il nome di edging.

Il termine deriva dalla parola inglese “edge” che significa confine: l’edging, chiamato anche orgasmo controllato o orgasmo prolungato, corrisponde proprio alla sua definizione. Consiste nel portare il partner all’apice del piacere, al confine, per poi fermarsi poco prima di farlo scoppiare. Questo meccanismo porta a raggiungere alla fine un orgasmo molto più intenso.

Come funziona l’edging?

L’uomo e la donna non impiegano lo stesso tempo per avere un orgasmo. Ci sono uomini che vengono in pochissimo tempo, donne che hanno bisogno di parecchi minuti per raggiungere l’estasi del piacere, e viceversa. Per questo motivo, il primo elemento da possedere per poter praticare l’edging è la conoscenza del corpo dell’altro e una grande intesa tra i partner. Risulta pertanto più complicato, sebbene non impossibile, per due persone che si conoscono da poco tempo.

Il secondo step è proprio il tempo: per provare l’edging ci vogliono almeno una ventina di minuti, ma anche di più. Quindi se siete in fase “sveltina”, cancellatelo dalla testa. Come detto prima, il vostro partner è in grado capire qual è il momento in cui state per esplodere in un vortice di piacere se intuisce dalle vostre reazioni (il respiro, i movimenti del corpo) quello che sta succedendo. Lo stesso vale per voi. In questi casi, bisogna fermarsi, lasciar scemare l’eccitazione, e poi ricominciare, fino a quando non si decide di superare il confine. L’orgasmo che si avrà alla fine sarà molto più intenso di quelli che si hanno di solito.

L’edging è per tutti

La sensazione che si prova con l’edging non è un dono destinato a pochi o solo alle donne: il trucco è cercare di dosare nel migliore dei modi i tempi e la capacità di controllarsi in un momento di grande foga quale è quello di un rapporto sessuale. Per gli uomini può essere più difficile riuscire a trattenersi: in questo caso dire apertamente all’altro di fermarsi per un po’ e focalizzarsi su pensieri meno piacevoli è un buon compromesso. Le mani possono aiutare a capire se il momento di mettere in pausa per qualche minuto sta per arrivare.

L’edging rappresenta anche un approccio che gli uomini un po’ egoisti e “veloci” a letto (non per problemi di eiaculazione precoce, ma perché ritengono che siano sufficienti “due colpi” per soddisfare una donna) dovrebbero iniziare a sperimentare. In questo modo, riuscirebbero a ottenere due vantaggi e a migliorare il benessere complessivo della coppia sotto le lenzuola:

  • regalare alla propria donna orgasmi indimenticabili, dedicandole tutta l’attenzione che un orgasmo merita;
  • riuscire anche loro a spostare più in alto l’asticella del piacere, toccando livelli mai sperimentati in precedenza.
CHIEDI A DEABYDAY
La riposta non ti soddisfa? Chiedi nuovamente a DeAbyDay
Chiedi
Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Amore e coppia
SEGUICI