Storie maledette di Franca Leosini: 5 "delitti d'amore"

Classifica Classifica

Dal 1994 a oggi: 26 anni di Storie maledette raccontate da Franca Leosini.  

Ti potrebbero interessare

Storie Maledette è un programma televisivo italiano, che va in onda dal 1994 su Rai3 e i cui episodi sono disponibili anche su RaiPlay. La trasmissione è stata ideata e viene condotta da sempre da Franca Leosini: oggi è formata da ben 18 stagioni per un totale di 91 episodi di durata differente.

Storie maledette racconta le vicende di alcune persone che sono diventate protagoniste della cronaca nera in Italia: i condannati vengono intervistati nel corso della puntata, che viene registrata in carcere con l’obiettivo di ricostruire tutto l’iter che ha le ha condotte a macchiarsi dei peggiori reati.

>>>LEGGI ANCHE: "Femminicidio, come prevenire la violenza sulle donne"

La Leosini ha affermato a proposito dei condannati protagonisti della sua trasmissione “i miei interlocutori non sono mai professionisti del crimine, ma persone come me che a un certo punto della loro vita cadono nel vuoto di una maledetta storia”. Tra gli accadimenti raccontati nel corso degli anni, ci sono stati anche diversi delitti d’amore, alcuni dei quali talmente famosi da diventare quasi leggendari nel tempo. Ecco 5 tra le storie d’amore più tragiche raccontate nelle puntate di Storie Maledette.

1. Stupro e morte al Circeo

L’ultima puntata della terza edizione di Storie maledette, trasmessa nel 1998, ha per protagonista Angelo Izzo. I primi reati commessi dal giovane sono furti e rapine, ma nel 1975 commette un delitto che cambierà la sua vita per sempre: il massacro del Circeo, durante il quale due giovani ragazze di borgata, Donatella Colasanti e Rosaria Lopez, vengono rapite, torturate, violentate e uccise, in compagnia degli amici Gianni Guido e Andrea Ghira.

Donatella, però, non è morta e ha la possibilità di denunciare l’accaduto portando così i 3 uomini all’arresto. Durante l’intervista condotta dalla Leosini, Izzo sembra pentito e dichiara “Consideravamo le donne come delle non persone, dei pezzi di carne". L'uomo esce dal carcere in regime di semilibertà, dopo quasi 30 anni di prigione, ma le sue erano solo parole: sono ancora una volta due donne le vittime che finiscono tra le sue grinfie questa volta, uccise con l’obiettivo di impossessarsi dei loro soldi. Dopo questo ennesimo episodio di ferocia, passato alla cronaca come massacro di Ferrazzano, Angelo Izzo ritorna in carcere, disconosciuto da tutti i suoi familiari.

2. La piccola martire del casolare

Il 28 ottobre del 2001 viene trasmessa la puntata incentrata sulla morte atroce di Stefania Delli Quadri, la quale fu uccisa all’età di soli 15 anni dal cugino Leonardo Racano, di 29 anni. La ragazza andava ancora in terza media quando sparì improvvisamente nel nulla, mentre stava tornando a casa. Il suo corpo fu poi ritrovato in un casolare abbandonato, semi-carbonizzato e con segni di percosse, la testa fracassata e tentativi di violenza addosso.

Leonardo Racano confessò di avere commesso l’omicidio della cugina perché follemente innamorato di lei, che invece continuava a rifiutare il suo amore. Il ragazzo fu condannato a 30 anni di carcere per i reati di omicidio aggravato, ratto ai fini di libidine e tentativo di violenza carnale: la pena si ridusse infine a 24 anni.

3. Il caso Mulé

Il 21 gennaio 2012 fu trasmesso un episodio intitolato Bondage: quelle corde che serrano l’anima. La vittima-carnefice questa volta è Soter Mulé, in un ingegnere coinvolto in un gioco di bondage che portò alla morte di una ragazza nel settembre del 2011 e al ferimento di un’altra donna. Quella raccontata in questa puntata è una storia maledetta che racconta le conseguenze del sesso estremo che trasforma in un omicida involontario un uomo che stava solo cercando di esplorare strade alternative del piacere.

4. Sabrina Misseri e il delitto di Avetrana 

L’11 e il 18 marzo 2018 vanno in onda due puntate dedicate all’omicidio di Sarah Scazzi, il famoso delitto di Avetrana. Le protagoniste sono la cugina Sabrina Misseri e la zia Cosima Serrano, rinchiuse nel carcere di Taranto dove sono state condannate all’ergastolo.

Un delitto molto probabilmente legato a motivi di gelosia per un ragazzo, che ha portato via la vita a una ragazza di soli 15 anni dal volto angelico. Sabrina Misseri viene descritta come una ragazza fragile e insicura, che era stata vittima di bullismo fin dalle scuole medie e che nutriva sentimenti di invidia nei confronti della cugina, molto più apprezzata dal resto dei suoi coetanei.

5. Quando l’acido ti sfregia l’anima

Il 4 febbraio del 2016 viene trasmessa la puntata dedicata al caso di Lucia Annibali. La donna fu fatta sfregiare con l’acido dall’ex fidanzato Luca Varani, condannato a 20 anni di carcere per essere stato il mandante dell’aggressione. Una storia che dimostra la follia alla quale può condurre l’amore, anche se, in casi come questo, usare la parola amore è follia.

Foto aperura: Stefano Colarieti - LaPresse

SEGUICI