Come pulire un piano cottura in acciaio

Guida Guida

Il piano di cottura si sporca molto facilmente: scopri come devi intervenire per farlo tornare pulito e lucido se è realizzato in acciaio. 

Pulire il piano cottura è considerato dalla maggior parte delle persone uno dei lavori di casa più fastidiosi e di cui si farebbe volentieri a meno.

Eppure la pulizia del piano cottura è un compito che va fatto spesso perché quando si cucina, è molto facile sporcarlo di olio, sugo, caffè e condimenti vari.

  • Pulizia del piano cottura: tempestività e materiali

È fondamentale intervenire subito dopo aver cucinato in modo da asportare con maggior facilità lo sporco che altrimenti formerebbe una crosta dura da rimuovere. Per pulire in modo efficace il piano cottura si deve tenere conto del materiale con cui è realizzato: in base a questa informazione si può decidere con quali prodotti intervenire per pulirlo.

piano cottura

  • Pulizia del piano cottura: detergenti neutri e naturali

Se il piano cottura è in acciaio inox si può usare un detergente neutro e una spugna: basta sfregare la superficie, eseguendo movimenti circolari, e poi asportare lo sporco, seguendo la direzione della satinatura del metallo.

Nel caso di incrostazioni più resistenti è controproducente sfregare troppo la superficie del piano perché si corre il rischio di rovinarla graffiandola: piuttosto si deve usare dell'aceto caldo che ha un forte potere disincrostante. Per lo scopo si può usare sia l’aceto rosso che quello bianco: è sufficiente lasciarlo in posa per una ventina di minuti per far si che l'acciaio torni pulito. Invece per rinvigorire la lucentezza dell'acciaio si può ricorrere alla farina: bisogna cospargerla sulla superficie e poi strofinare con un panno umido per ritrovare la brillantezza perduta.

  • Pulizia del piano cottura: detergenti aggressivi e spugne abrasive

Sono assolutamente da bandire le spugne metalliche abrasive perché graffiano l'acciaio rovinandolo in maniera irreparabile e allo stesso modo vanno evitati anche i detergenti corrosivi e quelli a base di cloro, come ad esempio la candeggina, che provocano sulla superficie d'acciaio antiestetiche macchie e aloni non più rimovibili.  

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Casa e fai da te
SEGUICI