Come disegnare un ippopotamo

Guida Guida

Impara a disegnare in pochi step l’ippopotamo, grosso mammifero dalle forme rotonde e dall’aspetto simpatico e buffo.  

Impara a disegnare in pochi step l’ippopotamo, grosso mammifero dalle forme rotonde e dall’aspetto simpatico e buffo.  
Ti potrebbero interessare

Enorme mammifero erbivoro, l’ippopotamo è considerato soprattutto dai bambini uno degli animali più simpatici e facili da disegnare per l’aspetto buffo e i movimento impacciati. Tuttavia è risaputo che questo grosso animale sa anche diventare uno degli animali più pericolosi per l’uomo perché estremamente territoriale e protettivo nei confronti dei suoi spazi e della sua prole.

Ippopotami da disegnare: gli esempi

Semplice da disegnare per le sue forme arrotondate, l’ippopotamo è sempre stato uno dei soggetti preferiti da illustratori e animatori, basti pensare alla famosa sequenza del film d’animazione “Fantasia” della Disney in cui si vedono leggiadri ippopotami danzare sulle note della Danza delle ore di Amilcare Ponchielli. Si può decidere se disegnare un ippopotamo realistico oppure un ippopotamo gigante in stile umoristico. Ad esempio un ippopotamo con tutu come una ballerina disney oppure come Gloria, l’ippopotamo femmina, protagonista del cartoon “Madagascar” della DreamWorks.

Disegnare un ippopotamo step by step

Per prima cosa si individuano le forme geometriche di base: all’interno di un rettangolo si tracciano, come si vede nella figura A, tre ellissi. L’ellisse più piccola serve a delineare la forma del muso dell'ippopotamo, l’ellisse media corrisponde alla testa dell’animale mentre l’ellisse più grande costituisce il corpo.

In un secondo momento, come indicato nella figura B, si tracciano le linee che identificano le quattro zampe e la linea che collega la testa al corpo.

Costruita così la struttura di base dell’ippopotamo, si passa a disegnare i contorni (figura C): è fondamentale osservare tante immagini di ippopotami per farsi un’idea precisa di come è strutturato il muso e dove vanno posizionati occhi, narici e orecchie.

Infine, come si vede nella figura D, si procede con il colorare l’ippopotamo: la pelle di questo grande animale erbivoro è glabra e di colore grigio scuro con sfumature rossicce e rosate.

Illustrazioni di Marta Cerizzi 

Animali e cuccioli
SEGUICI