special

Yummy dummies - ricette a prova di incapacy

In cucina non sempre è vero che a tutto c’è rimedio, ma è vero che dietro ogni abominio culinario c’è sempre un perché e ve lo spiega Sofia, in arte Cucinare Stanca. Tutti i venerdì su DeAbyDay!

by Cucinare Stanca

Vai allo speciale
Foodies

Gnocchi di zucca: tremate, tremate le streghe son tornate!

  • Difficoltà

    media

  • Categoria

    Primi Piatti

  • Porzioni

    2

  • Tempo preparazione

    1 ora (riposo) + 40 min

    PT100M

  • Tempo cottura

    15-20 min

    PT35M

  • Tempo totale

    circa 1 ora e 55 min

    PT75M

  • Cucina

    Italiana

  • Cottura

    In pentola e in forno

Certe zucche vuote sono particolarmente indigeste, specialmente quando si tratta di (ri)organizzare revival tutt'altro che divertenti. Ma con la zucca vengono anche degli gnocchi strepitosi, basta cucinare secondo le regole.

Certe zucche vuote sono particolarmente indigeste, specialmente quando si tratta di (ri)organizzare revival tutt'altro che divertenti. Ma con la zucca vengono anche degli gnocchi strepitosi, basta cucinare secondo le regole.

A Roma si dice: ‘ognuno co' la farina sua ci fa gli gnocchi che je pare’. Questo detto sottende un’idea romantica e generale di libertà di azione e di pensiero che, se sulla carta è un concetto fondamentale e costituzionalmente stabilito, nella pratica non può essere sempre così.

Chiaramente non mi riferisco alle vostre scelte, molto discutibili, tipo: “oggi mi metto le ballerine beige coi glitter blu e le calze color carne”. Che me ne frega se andate in giro come mi nonna! Non mi interessa neanche della ricostruzione delle unghie spessa 35 cm giallo fluo: queste cose le potete fare perché non offendete nessuno, a parte voi stessi, a parte il buongusto, che non è una persona, e non è neanche la storia dolorosa di un Paese.

Si sa che noi italiani siamo un popolo di tradizioni solide, storicamente radicate, ed è proprio per questo che, in questo ottobre di elezioni, confermiamo che la nostra festa preferita sia (drumroll...) Halloween.
Questa non nostra tradizione di intagliare le zucche con terribili espressioni mortifere e spaventose trova le sue radici in un altro ortaggio: le rape. Queste, ancora prima delle zucche, venivano intagliate per farne delle lanterne, attraverso le quali si ricordavano le anime bloccate nel purgatorio. Ma, come dicevo, la nostra arte è l’appropriazione culturale e visto che in molti settori siamo eccellenti, noi non ci limitiamo a commemorare le anime bloccate in purgatorio. Noi gli zombie li riesumiamo proprio, e li votiamo anche. Specificando l’ovvio, mi riferisco alle anime dei neofascisti.

Quello che mi offende di questo Halloween è il far valere solo in parte la nostra Costituzione, in cui se è vero che la libertà di espressione è un diritto fondamentale, è altrettanto vero che è vietata la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del disciolto partito fascista.
Attenzione, non fate come alle elementari, che contestavate l’essere andati fuori tema alla maestra. Un partito neofascista, una persona neofascista, non si deve chiamare necessariamente Partito ItaGliano dei Neofascisti o Paperino Neofascista88, può bastare il saluto romano, le battute sugli ebrei, il chiamarsi camerata... Credo eh, ditemi voi.

Ridiamo allora di un messaggio incostituzionale, ridiamo forte della vittoria degli evasori fiscali, ridiamo ancora di più dei baroni neri, sbellichiamoci alla simulazione di una fellatio per ricordarci di una candidata, che ride forte forte anche lei. Che ridere queste zucche vuote di Halloween.
Nell’ottobre che vorrei fra i personaggi grotteschi, con la testa rasata e il vestito nero riesumerei solo Jack o' Lantern e i coltelli li userei solo per tagliare la zucca, non per sorridere spaventati, ma per farci questi gnocchi di zucca al forno.
Cosa vi serve per questo atto di resistenza, per due persone:

Ingredienti

  • Per gli gnocchi:
  • 300 g di zucca cruda
  • 50 g di farina 00 e 40 di farina di semola di grano duro
  • Mezzo uovo sbattuto
  • 3 cucchiai di parmigiano
  • Due prese abbondanti di sale
  • Pepe e noce moscata come vi pare

    Per condire:
  • 150 g di gorgonzola
  • 120 g di mozzarella, magari se la strizzate anche meglio
  • 3-4 cucchiai di parmigiano
  • 4/5 fette di formaggio tipo Edamer
  • Finite con una spolverata di parmigiano o di pangrattato
  • Potete metterci anche 3-4 cucchiai di besciamella, decidete voi

Ingredienti degli gnocchi di zucca

  1. Mettete in forno la zucca a 200°C per circa 40 minuti, ma controllate, perché vi ripeto sempre, non ve conosco a voi, figuratevi il vostro forno.
  2. Nel frattempo fatevi un esame di coscienza e informatevi bene su quello che avete deciso voi per tutti e arrabbiatevi.
  3. Passato questo tempo, se ce la fate ancora a respirare, fate raffreddare la zucca e passatela in uno schiaccia patate.
  4. Adesso arriva una grande delusione, l’acqua presente nella zucca è la più grande nemica degli gnocchi, perché vuole la farina e la farina sa di farina, non di zucca, scusate l’ovvietà.
    Le strade sono due: o vi fate degli gnocchi di acqua e farina e non ci pensate più, potete metterci anche colorante arancione per ingannare meglio, verranno perfetti nella forma e facilmente lavorabili.
    Ma se volete seguire la via della legalità vi consiglio di dimenticare la forma, perché come dicevamo prima, non c’è solo una forma di fare le cose, (o di essere neofascisti). Gli gnocchi di zucca possono essere anche meno rigidi, meno belli, ma sapere di zucca. Io seguo sempre la seconda via, per questo motivo dobbiamo eliminare l’acqua.
  5. Prendete uno straccio pulito e strizzate bene la zucca, deve perdere tutta l’acqua, non vi spaventate se vi rimarranno 4 cucchiai di polpa di zucca in croce.
  6. Unite tutti gli ingredienti insieme e mettete in frigorifero a riposare per circa un’oretta, tempo che finisco di scrivere questo articolo.

    Impasto gnocchi di zucca

  7. Mettete abbondante acqua salata a bollire e con due cucchiai (senza scottarvi, grazie mille), formate dei mini gnocchi un po’ informi, ma sicuramente che sanno di gnocchi e lessateli.

    Formare gli gnocchi di zucca

  8. Quando salgono gradualmente raccoglieteli in una ciotola con un filo d’olio, per non farli attaccare fra loro, come i fascistelli fuori lo stadio.
  9. Una volta cotti tutti gli gnocchi adagiateli in una teglia della giusta dimensione, rispetto alla quantità che volete fare e conditeli con il resto degli ingredienti.

    Gnocchi di zucca da infornare

  10. Andate in forno a 220°C fino a che tutti i formaggi non si siano sciolti e si sia formata una leggera crosticina sopra.

Ciao partigiani Johnny, vi penso.

Foto: Ilaria Muri