Tempo Libero
Tempo Libero

Festival di Sanremo 2022: le canzoni che vinceranno (secondo noi)

Chi vincerà all'Ariston? Ecco le nostre sensazioni, dopo il primo ascolto dei brani (fatto dagli altri). 

Chi vincerà all'Ariston? Ecco le nostre sensazioni, dopo il primo ascolto dei brani (fatto dagli altri). 

Questo pezzo è come una bolletta giocata in un’agenzia di scommesse sportive. Si basa su sensazioni, perché di certezze non ce ne sono. L’autore dell’articolo, già provato dalla visione di X Factor, è stato infatti risparmiato dall’ascolto dei brani in gara a Sanremo 2022, ossia non è stato invitato all’anteprima negli studi Rai di via Mecenate a Milano. Contestualmente, ha perso la possibilità di vedere da vicino Amadeus. Dunque, a proposito del conduttore, dovrà fare dei pronostici a naso: ecco le canzoni che più ci stuzzicano e i relativi interpreti che potrebbero spuntarla all’Ariston.

Achille Lauro feat. Harlem Gospel Choir – Domenica

Mancano appena 12 partecipazioni ad Achille Lauro per raggiungere Al Bano, Peppino di Capri, Toto Cutugno e Milva come primatista di presenze al Festival. Tre con questa, a cui si aggiunge la pluriospitata del 2021. Il suo brano Domenica pare sia uguale a Rolls Royce, dunque anche a Me ne frego. Da «No, non è un drink/ è Paul Gascoigne» a «'Sta vita è un roller coaster/romanzo rosa/ no piuttosto porno» è un attimo. Insieme a lui sul palco un coro gospel americano: Boss Doms c’aveva da fare.

Ditonellapiaga con Rettore – Chimica

Da una parte la delicata voce di Ditonellapiaga (non chiedetemi chi sia), dall’altra quella punk di Rettore, secondo il sottoscritto una delle artiste più sottovalutate nella storia della musica italiana. Pezzo dance pop energico, ha dichiarato Ditonellapiaga alias Margherita Carducci, scritto pensando proprio a Donatella (che com’è noto no vuole essere chiamata così). Tra le due, citando il testo, c’è «chi-chi-chi-chi-chi-chi chimica».

Gianni Morandi - Apri tutte le porte

Dopo lo scampato pericolo di squalifica, a distanza di 22 anni Gianni Morandi torna in gara all’Ariston con una canzone scritta apposta per lui da Jovanotti, proprio come il singolo estivo L'allegria. Brano fresco, riportano gli addetti al lavori, con sonorità Motown addirittura. «Stai andando forte, apri tutte le porte, gioca tutte le carte»: non sarà la Divina Commedia, ma potrebbe piazzarsi bene e diventare un tormentone.

La Rappresentante di Lista - Ciao ciao

Visto che sarebbe stato inopportuno mettere la mano sul fuoco riguardo alla canzone di Morandi, lo facciamo con quella del duo formato da Veronica Lucchesi e Dario Mangiaracina: sarà podio! Con frasi come «Mentre mangio cioccolata in un locale mi travolge una vertigine sociale» e «La fine del mondo è una giostra perfetta. Mi scoppia nel cuore la voglia di festa», beh, davvero non potrebbe essere altrimenti. Si vocifera che il brano de La Rappresentante di Lista potrebbe essere accompagnato sul palco da varia gestualità e saluti: a proposito, lo sapevate che il Gioca jouer è stato la sigla del Festival 1981?

Dargen D'Amico - Dove si balla

«Tra i rottami balla, per restare a galla». Ci piace pensare che il brano del produttore, rapper e dj Dargen D'Amico, oltre a una dichiarazione d’amore alla musica dance («che fa pà para-rà pararà pa-pà») sia anche un omaggio a Gigi D’Agostino, che com’è noto è afflitto da un grave male che lo costringe a camminare con il deambulatore. L’Ariston si trasformerà in una discoteca, nel pieno rispetto della legge: il Festival scatta il primo febbraio e le misure del decreto festività prevedono lo stop per i locali da ballo fino al 31 gennaio.