Fun People
Fun People

Ambra, storia di un’icona degli Anni 90 (che approda a X Factor)

La pupilla di Boncompagni ne ha fatta di strada dai tempi di Non è la Rai. Attrice di successo, nel 2022 la sua T’appartengo è di nuovo popolare e lei diventa giudice del talent show.

La pupilla di Boncompagni ne ha fatta di strada dai tempi di Non è la Rai. Attrice di successo, nel 2022 la sua T’appartengo è di nuovo popolare e lei diventa giudice del talent show.

Con la ritrovata popolarità di T’appartengo, Ambra Angiolini non poteva non finire dietro al bancone di X Factor. E così sarà: l’edizione numero 16 del talent show la vede nelle vesti di giudice, esordiente al pari di Rkomi e Dargen D’Amico, mentre come veterano c’è Fedez, che ha già preso parte a cinque edizioni. Ecco tutte, ma proprio tutte, le cose da sapere su Ambra Angiolini

Chi è Ambra Angiolini 

Tutto su Ambra Angiolini, esplosa a Non è la Rai con il suo caschetto riccio.

Dove e quando è nata 

Ambra Angiolini nasce a Roma il 22 aprile 1977. Dunque, crediateci o meno, sentitevi vecchi o meno, nel 2022 ha compiuto 45 anni.

Carriera 

Ripercorriamo la carriera di Ambra, perché così era conosciuta all’inizio. Nome e basta. Come Pamela, Laura, Miriana e tutte le altre ragazze di Non è la Rai.

Gli inizi 

Dopo aver dimostrato una certa attitudine alla danza, la sua insegnante la indirizza verso un casting Fininvest. L’esito è positivo e così Ambra può iniziare la carriera nel mondo dello spettacolo. Esordisce nell'estate 1992 in Bulli e pupe, programma con regia di Gianni Boncompagni. Interpreta la canzone Poster di Claudio Baglioni. Doppiata da Raffaella Misiti. E giunge alla serata finale.

Non è la Rai e la televisione 

Nello stesso anno entra nel cast della seconda edizione di Non è la Rai, programma ideato da Boncompagni e Irene Ghergo, in onda su Canale 5 da settembre 1991. All’inizio le viene affidata una parte dello show, ovvero il Gioco dello zainetto. E nella terza stagione l’intera conduzione: Ambra, in costante collegamento con Boncompagni, diventa la star assoluta di Non è la Rai. Terrà in mano le redini del programma fino all’ultima puntata strappalacrime. Archiviato Non è la Rai, conduce Generazione X e nel 1996 affianca Pippo Baudo nella conduzione del Dopofestival di Sanremo. Nel 1998 il debutto come conduttrice radiofonica su radio 105: lavorerà anche su RTL 102.5, Radio Kiss Kiss e Radio Due.

La musica 

Nell'autunno del 1994 lancia l'album T'appartengo: il più grande successo di Ambra come cantante vende centomila copie nella prima settimana, ottiene tre dischi di platino e un disco d’oro. E in seguito, tradotto in castigliano, viene pubblicato anche in Spagna e Sud America come Te pertenezco. Sono in tutto quattro gli album incisi da Ambra: dopo T’appartengo arrivano Angiolini (1996), Ritmo vitale (1997) e Incanto (1999).

Il teatro 

L'estate del 2000 segnato una svolta nella carriera di Ambra, che debutta in teatro con la commedia i Menecmi, di Plauto, rappresentando lo spettacolo in tutta la Sicilia. L'interpretazione riceve ottime critiche. Da allora torna spesso a lavorare spesso a teatro: nel 2022 è tra le protagoniste de Il nodo.

Il cinema 

Nel 1996, all’apice della popolarità, Ambra si cimenta come attrice in Favola: brutto per ammissione della stessa protagonista, il film per la tv va in onda in prima serata su Italia 1, ottenendo un grande successo di ascolti. Successivamente interpreta Salomé in Maria Maddalena, altro film per la tv. Nel 2006 è nel cast di Saturno Contro, per la regia di Ferzan Özpetek: interpreta il ruolo della cocainomane Roberta, che le vale il Nastro d'argento e il David di Donatello come miglior attrice non protagonista.

I film più belli con Ambra Angiolini 

Passata al grande schermo, Ambra recita in numerose pellicole, come Immaturi di Paolo Genovese (2011), Ci vediamo a casa (2012), 7 minuti di Michele Placido (2012), La verità, vi spiego, sull'amore ( 2017), Brave ragazze (2019) e Per tutta la vita (2021). Di recente l’abbiamo vista (abbonamento permettendo) nella serie Le fate ignoranti, su Disney+.

Vita privata

Diventata famosa da giovanissima, la vita privata di Ambra Angiolini è sempre stata sotto ai riflettori del gossip.

L'amore per Francesco Renga 

Dal 2004 al 2015 Ambra ha una relazione con il cantante (e dunque collega) Francesco Renga. I due convivono a lungo a Brescia, senza però sposarsi. Nel 2007 lei è la star del videoclip di Dimmi... singolo del compagno estratto dall'album Ferro e cartone.

I figli 

La coppia Angiolini-Renga ha due figli: Jolanda (2004) e Leonardo (2006). In mezzo alle due gravidanze, Ambra è tra gli opinionisti del Festival di Sanremo, vinto proprio dal compagno von il brano Angelo, dedicato alla primogenita.

La separazione 

La fine del rapporto tra Ambra e Renga viene ufficializzato a novembre del 2015: è lei a parlarne per prima, durante un’intervista a una rivista di gossip. Che non è DeAbyDay.

La love story con Massimiliano Allegri 

Dopo un flirt con il modello e imprenditore Lorenzo Quaglia, nel 2017 Ambra inizia un’altra importante relazione con l’allenatore della Juventus Massimiliano Allegri. La storia con “Acciughina” terminerà nel 2021.

5 curiosità su Ambra 

  1. Nel 1997, Ambra Angiolini ha partecipato al Festival di Viña del Mar, importante manifestazione canora internazionale che si tiene ogni anno in Cile.
  2. Ambra Angiolini è indiscutibilmente un’icona gay. Da sempre stata molto attiva per la tutela dei diritti Lgbt, nel corso della carriera ha anche anche condotto due Pride.
  3. Cinque le conduzioni del Concertone del Primo Maggio. Nel 2018, ha fatto discutere il maglione da 350 euro indossato sul palco, ritenuto in contraddizione con i principi della manifestazione. L’ironica risposta su Instagram, ovvero la foto di un set di mutandine dal prezzo di 5 euro e la scritta: “Però i miei slip costavano pochissimo!”.
  4. Ambra è una donna molto sportiva: pratica infatti mountain bike, corsa, judo e arrampicata su roccia.
  5. Ambra Angiolini ha sofferto di bulimia e ha raccontato la sua esperienza nel libro InFame: è riuscita a guarire grazie alla nascita della primogenita Jolanda.