Prolasso vaginale: cos'è e cosa comporta

Guida Guida

Il prolasso vaginale è una particolare patologia femminile che comporta la discesa dell’organo pelvico verso il basso. Scopriamo cosa implica questo disturbo.  

Il termine prolasso fa sempre paura, soprattutto quando si parla di prolasso vaginale. Una donna può non accorgersi subito della presenza di prolasso vaginale, ma alcuni sintomi possono aiutare a riconoscerlo, soprattutto se poi ci si sottopone a una visita specialistica dal ginecologo. Ma andiamo per gradi capendo, innanzitutto, cos'è un prolasso vaginale.

Cos'è un prolasso vaginale?

Con il termine prolasso si intende la fuoriuscita di un organo (o di una sua parte) dal suo luogo di naturale collocazione. Quando si parla di prolasso vaginale o prolasso uterino, quindi, si intende quella situazione in cui l'utero scende verso il basso e, dalla sua sede normale, fuoriesce (nei casi più gravi) nel vestibolo vaginale.

  • Se tale alterazione è a carico della parete vaginale anteriore si parla di prolasso uretro-cistocele
  • Se colpisce la parte superiore viene definita isterocele
  • Se invece interessa la parete vaginale posteriore è rettocele
  • L’enterocele è la discesa di anse intestinali che spingono contro la parete posteriore della vagina, talvolta sporgendo anche al suo interno.


Da cosa è causato il prolasso vaginale?

Le cause del prolasso vaginale si ritrovano principalmente nell'indebolimento (o nel cedimento) delle strutture che supportano vescica, uretra, utero e intestino retto.

La rete di supporto del pavimento pelvico, infatti, è costituita da muscoli, legamenti e pelle che possono indebolirsi o addirittura rompersi. Questi particolari cedimenti possono provocare un prolasso uterino e vaginale, ovvero l’abbassamento (o addirittura la fuoriuscita nei casi più seri) dell’utero nella vagina.

Questa patologia può verificarsi a seguito di parti vaginali o quando alla nascita il peso fetale è elevato. Tuttavia, il prolasso genitale colpisce principalmente le donne in pre-post menopausa ed è associabile anche ad obesità, stipsi, alterazioni ormonali o lassità legamentosa congenita.

 

visita ginecologo

Quali sono i sintomi del prolasso vaginale?

Il prolasso vaginale si manifesta principalmente con un’anomala sensazione di ingombro vaginale. Tuttavia la sintomatologia può comprendere anche la percezione di avere un corpo estraneo in vagina, cistiti ricorrenti, incontinenza urinaria o difficoltà urinaria e dischezia. Non è raro, inoltre, che ciò determini anche fastidio o dolore durante i rapporti sessuali.


Cosa fare in caso di prolasso vaginale?

Per giungere ad una diagnosi certa è necessario rivolgersi ad uno specialista per effettuare una visita ginecologica completa di anamnesi, ecografia pelvica e prove urodinamiche.

Appurata la gravità della patologia, il medico potrà consigliare l’intervento chirurgico, trattamenti riabilitativi, ginnastica pelvica (sono noti ad esempio gli esercizi di Kegel) o l’utilizzo di pessari, ovvero dei particolari supporti da inserire in vagina per sostenere gli organi interni.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Salute e benessere
SEGUICI