Prurito intimo e vaginale: cause e rimedi

Guida Guida

Il prurito intimo è un disturbo molto frequente che può essere particolarmente fastidioso. Scopriamo le cause che lo scatenano e i rimedi per alleviare la sintomatologia.

Il prurito intimo (o vaginale) è un disturbo femminile abbastanza comune che compare più frequentemente in età fertile e durante la menopausa.

Può presentarsi in maniera acuta, ricorrente o cronica e tendenzialmente è associato ad altre manifestazioni fastidiose quali possibile bruciore, arrossamento genitale e perdite vaginali anomale.

Le possibili cause del prurito intimo

Questo particolare tipo di prurito può essere scatenato da varie cause e da più fattori concomitanti. Le forme più comuni, tuttavia, sono provocate da squilibri ormonali, alterazioni della flora vaginale, agenti infettivi o da un’eccessiva proliferazione di microrganismi.

Le più comuni infezioni che scatenano il prurito intimo sono la candidosi, la vaginosi batterica o atrofica e la tricomoniasi.

Tuttavia, meno frequentemente, questo disturbo può essere associato a particolari vaginiti da radiazioni, da agenti chimici o scatenarsi a seguito di una reazione allergica.

Prurito intimo in gravidanza

Il prurito intimo in gravidanza è un disturbo comune a molte donne in dolce attesa. Può essere sintomo di un’infezione vaginale, pertanto è sempre opportuno consultare il proprio ginecologo per approfondirne l’origine ed eventualmente intervenire tempestivamente con la terapia più adeguata.

È bene tenere presente, inoltre, che le infezioni vaginali tendono ad essere frequenti nel periodo di gestazione perché le variazioni ormonali e l’alterazione della flora batterica possono favorire l’eccessivo proliferare dei microrganismi patogeni.

Oltre alla candida e alla vaginite batterica, quindi, la donna potrà soffrire di cistiti, herpes genitale e tricomoniasi.

prurito vaginale

Foto: senjoy / 123RF Archivio Fotografico

Prurito intimo dopo un rapporto sessuale

Se compaiono prurito e bruciore dopo un rapporto sessuale (specie se non protetto) è bene consultare il proprio medico di fiducia. Essi, infatti, possono essere un primo campanello d’allarme di qualche possibile infezione o malattia.

Tuttavia il disagio può manifestarsi anche come reazione allergica al lattice del preservativo o in presenza di una scarsa o assente lubrificazione vaginale.

Come alleviare il prurito intimo

Per alleviare la sintomatologia talvolta può essere utile ricorrere a dei rimedi naturali. L’aceto di mele e le foglie di basilico, ad esempio, hanno proprietà antibatteriche e antifungine.

Le foglie di rosmarino, il bicarbonato di sodio e l'aloe vera, inoltre, sono anch'essi dei preziosi alleati naturali.

Foto: barabasa / 123RF Archivio Fotografico

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Salute e benessere
SEGUICI