Yoga

Lo yoga ti aiuta a combattere l'insonnia: ecco come

Dormire bene è il segreto per essere felici. E in questo modo possiamo migliorare la qualità del sonno.

Dormire bene è il segreto per essere felici. E in questo modo possiamo migliorare la qualità del sonno.

Sono tante, tantissime, le ricerche a sostegno di questa tesi: dormire bene ci rende più felici, migliora la qualità della nostra vita e il benessere psicofisico. E allora perché non fare qualcosa di concreto per noi stesse?

Esiste una disciplina, dagli innumerevoli benefici, di cui vi parliamo spesso che anche in questo caso può diventare la nostra migliore alleata. Sì, lo yoga aiuta a combattere l’insonnia. Ed è arrivato il momento di iniziare a praticarlo.

Come migliorare la qualità del sonno

Riconosciuta all’unanimità come la disciplina in grado di favorire il benessere fisico, mentale e spirituale, lo yoga ci viene in soccorso anche per il miglioramento della qualità del sonno.

Grazie ai suoi effetti benefici che contribuiscono a rilassare il corpo e la mente, possiamo combattere l’insonnia praticandolo la sera, proprio prima di andare a dormire.

Ci sono degli esercizi che, più di altri, ci aiutano ad allentare le tensioni fisiche ed emotive e quindi favoriscono un buon riposo e di qualità. Lo yoga ci permette inoltre di alleviare le ansie, allontanare lo stress e le preoccupazioni della giornata.

Come lo yoga aiuta a combattere l’insonnia

Come dicevamo, possiamo trovare in questa disciplina la migliore alleata per combattere definitivamente l’insonnia, una delle cause principali del nostro malessere quotidiano. Meno dormiamo, infatti, più ci sentiamo nervose, stanche e meno propense ad accumulare energie positive.

Questa tensione difusa, inoltre, contribuisce a peggiorare la qualità del sonno già compromessa. Se ci sentiamo così, allora, è davvero il caso di intervenire.

Praticando yoga possiamo allontanare i pensieri che prepotentemente invadono la nostra mente durante il giorno, e che non vogliono lasciarci neanche quando siamo pronte per metterci a letto.

È proprio in questo momento che intervengono alcune posizioni dello yoga: ci aiutano a rilassarci e ad allontanare tutte le preoccupazioni. Perché l’ultimo pensiero della giornata è anche quello più determinante per il nostro sonno. Scopriamo quindi tre posizioni per creare una routine di benessere serale.

yoga per combattere insonnia

Sukhasana

La Sukhasan, o posizione semplice, è l’asana di apertura di ogni sessione di yoga. Si tratta di una posizione molto semplice da eseguire che ci permette di rilassare tutto il corpo. È perfetta, quindi, per favorire il buon riposo.

Concentriamoci sul nostro respiro e sediamoci a gambe incrociate su un piano, con i palmi delle mani distesi sulle ginocchia. Chiudiamo gli occhi, e ogni respiro lasciando andare tutte le preoccupazioni della giornata accogliendo la calma e i pensieri positivi.

Questa posizione scioglie le tensioni, riallinea la colonna vertebrale e contribuisce al rilassamento del corpo e della mente.

Viparita Karani

Un’altra posizione da inserire nella routine del benessere serale è quella di Viparita Karani, un vero e proprio antistress. Possiamo eseguirla a corpo libero oppure aiutandoci con una parete o un appoggio per le gambe.

Sdraiamoci sulla schiena con le braccia distese e solleviamo le gambe, posizionando i piedi a martello. Manteniamo questa posizione per alcuni secondi concentrandoci sul respiro. Questa posizione ci aiuta ad allentare lo stress e a stimolare la circolazione.

Savasana

Considerata la posizione di rilassamento per antonomasia, la Savasana ci consente di rilassare gradualmente tutto il nostro corpo. Questa asana viene spesso utilizzata alla fine di una sessione di yoga per recuperare le energie, e anche nella meditazione.

Stendiamoci a terra divaricando leggermente le braccia e le gambe, e assicurandoci di poggiare completamente la colonna vertebrale a terra. I palmi delle mani e le punte dei pieni devono essere rivolte verso l’alto. Chiudiamo gli occhi e lasciamo rilassare i muscoli, gli arti e la mente.

Prima di andare a dormire

Queste tre posizioni qui di seguito possono essere ripetute ogni sera in sequenza alla stregua di un rituale di benessere, e possono essere eseguite da tutte, indipendentemente dal livello di allentamento, perché sono semplicissime.

Il consiglio è quello di praticare yoga per combattere l’insonnia proprio nelle ore serali, meglio ancora se prima di andare a dormire.

Possiamo inoltre sperimentare anche altre asana più adatte alle nostre condizioni di salute e alle nostre esigenze. Vige solo una regola: quella di rilassarsi e lasciare andare i pensieri negativi e le preoccupazioni.

Leggi anche: Esercizi di meditazione. Dormire bene