Come mantenersi tonici e in salute con l'urban walking

Guida Guida

Camminare fa bene alla salute più di quello che si può immaginare. Ecco i benefici dell'urban walking!

Camminare fa bene alla salute più di quello che si può immaginare. Ecco i benefici dell'urban walking!
Ti potrebbero interessare

Camminare fa bene. Lo ricorda l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) che sconsiglia, specie ai più pigri, di continuare ad avere uno stile di vita sedentario e suggerisce, invece, di fare almeno cinquemila passi al giorno (circa tre chilometri).

Secondo l'OMS spostarsi a piedi e condurre uno stile di vita sano favorisce  un miglioramento della salute e allunga l'aspettativa di vita di circa 6 anni rispetto a chi fa una vita sedentaria.

Ecco tutti i benefici dell’urban walking:

  • Camminare aiuta a mantenersi in salute e a tonificare il corpo.
  • È un’attività semplice ed economica benefica per tutti.
  • Camminare può aiutare a prevenire, o risolvere, problemi metabolici, cardiovascolari, posturali, pressori e allontana il rischio di ictus, infarto e osteoporosi.
  • Secondo alcuni esperti, cinquemila passi al giorno (anche non continuativi) sarebbero l’ideale per mantenersi in forma e tonici.
  • Camminare è un ottimo “sciogli adipe” che fa spendere la maggiore percentuale di calorie derivanti dai grassi.

Consigli utili

  • Si consiglia un’andatura costante a quattro chilometri l’ora.
  • È utile un contapassi e un cardiofrequenzimetro. (Chiedete il parere di un medico per seguire i parametri giusti se non ne siete certe).
  • Più andate veloce, più calorie consumerete.
  • La fonte di energia utilizzata cambia a seconda del tipo di sforzo. Più si fatica più si consumano carboidrati, mentre se l’attività motoria è di poca intensità, l’organismo attinge alla fonte dei depositi adiposi.

Per chi inizia:

  • la lontananza da percorrere deve aumentare di volta in volta di 400 metri (la falcata media è tra i 70 e i 75 centimetri), con un basso livello di sforzo percepito (tra il 55 e il 65% della frequenza cardiaca massima).
  • L'andatura è a ritmo costante con una «velocità» compresa fra i 15 e i 20 minuti per chilometro. Il dispendio calorico non è tanto, ma l'attività prepara il fisico a programmi più impegnativi. Leggete qui come camminare per bruciare calorie.
  • Meglio camminare che correre. Specie se non siete per niente allenate: la corsa è più invasiva, non è per tutti (non è adatta a chi è in sovrappeso), bisogna avere la tecnica giusta e il gesto motorio va fatto bene per non farsi male.


Per chi è già allenata:

  • l'impegno sale al 70-80% della frequenza cardiaca, con percorsi che raggiungono i 5-6 chilometri, per una durata della marcia che varia dai 50 ai 60 minuti.

Camminare e ...mangiare!

  • Dopo la camminata è bene ripristinare i sali minerali e gli zuccheri semplici. L’ideale è mangiare un frutto.
  • Per rendere più efficace l’attività motoria, si consiglia anche una sana ed equilibrata alimentazione che segua le linee guida dell'Inran (più grassi buoni e proteine vegetali, acqua in abbondanza e mai esagerare a tavola!)

Fonte: Corriere.it

Si consigliano scarpe comode, non da runner, ma idonee al walking per conservare la giusta postura

Sport e fitness
SEGUICI