special

Yummy dummies - ricette a prova di incapacy

In cucina non sempre è vero che a tutto c’è rimedio, ma è vero che dietro ogni abominio culinario c’è sempre un perché e ve lo spiega Sofia, in arte Cucinare Stanca. Tutti i venerdì su DeAbyDay!

by Cucinare Stanca

Vai allo speciale
  • Difficoltà

    facile

  • Categoria

    Primi Piatti

  • Porzioni

    1

  • Tempo cottura

    c.ca 10 min min

    PT10M

  • Tempo totale

    10 min

    PT10M

  • Cucina

    Italiana

  • Cottura

    In pentola e in padella

La pasta asciutta burro e parmigiano, una ricetta storicamente antifascista e perfetta per festeggiare il 25 aprile. Il perché ce lo racconta Cucinare Stanca.

La pasta asciutta burro e parmigiano, una ricetta storicamente antifascista e perfetta per festeggiare il 25 aprile. Il perché ce lo racconta Cucinare Stanca.

Quando Che Guevara diceva: “Siate sempre capaci di sentire nel più profondo qualsiasi ingiustizia, commessa contro chiunque, in qualsiasi parte del mondo. È la qualità più bella di un buon rivoluzionario”, non so se pensava all’universalità che avrebbe assunto la sua frase e neanche che questa sarebbe stata imperitura e potente fino ad oggi. Sicuramente si augurava di no, ma tant’è…

Lunedì è la festa della Liberazione, la nostra, dal regime fascista e dall’occupazione nazista. Ma oggi dobbiamo sentire forte e prepotente anche l’ingiustizia commessa contro altri, in un’altra parte del mondo: pensiamo alla resistenza di altri e ad altri partigiani, delineamone i tratti comuni, i risvolti simili e le premesse. Non è un esercizio politico o di stile, è una lezione storica che non abbiamo evidentemente ancora imparato a prevedere, sono i confini e i tratti di una condizione che si ripete.

L'esilio della pasta asciutta

Durante il regime fascista, ne “Il Manifesto della cucina futurista”, Tommaso Marinetti mise al bando la pasta asciutta, considerata un pasto non adatto al “nuovo” italiano: scattante, ben nutrito, in forma per la guerra e altre cose gravi che dicono loro.
La definisce: “Assurda religione gastronomica italiana” che comporterebbe “fiacchezza, pessimismo, inattività e neutralismo”.

La storia della pasta asciutta antifascista

Così la pasta asciutta venne messa al bando dal regime, come qualcosa che non nutriva davvero, e che non era così italiana, almeno non come il riso, che veniva preferito nella dieta del perfetto fascista. 
Proprio in contrapposizione a questa limitazione della libertà, che coinvolgeva anche la tavola, la pasta asciutta divenne il simbolo della Liberazione, e della festa della Liberazione ad oggi. 
Nel 1943 la famiglia Cervi, per festeggiare la sfiducia a Mussolini da parte del Gran Consiglio, decise di offrire a tutto il paese, Campegine, un piatto di pasta al burro, emblema di una libertà agognata e quasi ritrovata.

>>>Leggi anche: «Tortino fave e pecorino: perché ancora conviene definirsi antifascisti»

Riprendendo la frase di Tommaso Marinetti: “Si pensa, si sogna e si agisce secondo quel che si beve e si mangia”, oggi mangiamo tutti un piatto di pasta burro e parmigiano, perché pensiamo, sogniamo e agiamo da antifascisti.
Di seguito la mia ricetta preferita nel mondo, le dosi sono per una persona che ha tanto da festeggiare:

Ingredienti

  • 150 g di spaghetti
  • 40 g di burro
  • 40 g di parmigiano

Ingredienti pasta asciutta antifascista

La ricetta della pasta asciutta antifascista

  1. In una pentola fate bollire abbondante acqua salata.
  2. Buttate la pasta e tre minuti prima del tempo di cottura indicato sulla confezione, scolatela, lasciando da parte tutta l’acqua di cottura mi raccomando che mi arrabbio tantissimo e non mi riesco a calmare in questo periodo.

    Pasta asciutta antifascista - cottura in padella

  3. In una padella finite la cottura della pasta, sempre girando con un mestolo (tipo ragnetto, non so come lo chiamate voi) o con una pinza, girate sempre, energicamente, aggiungete gradualmente 3 - 4 mestoli di acqua di cottura e quando siete soddisfatti della cremina d’amido che avete ottenuto, togliete la padella dal fuoco e inserite il burro e il parmigiano (non vi mettete paura, si scioglie tutto e sarete felicissimi). Se vi rimane tutto un po’ ammalloppato aggiungete pochissima acqua di cottura.

Pasta asciutta antifascista - piatto finito

Festeggiamo: stay fiacco, stay pessimista ma mai fascista.

Foto: Ilaria Muri