Tempo Libero
Tempo Libero

X Factor 2021, prima puntata dei Live: i voti della serata

I magnifici 12 scelti dai quattro giudici hanno debuttato in diretta tv. La prima eliminazione solo tra una settimana. Nel frattempo, le pagelle di giudici e concorrenti

I magnifici 12 scelti dai quattro giudici hanno debuttato in diretta tv. La prima eliminazione solo tra una settimana. Nel frattempo, le pagelle di giudici e concorrenti

Dopo una settimana di polemiche infuocate, perché il primo X Factor senza categorie legate al sesso sarebbe… sì, sessista, viste le sole due donne arrivate ai live, è ora di fare sul serio. Il gioco si fa duro e si comincia a giocare. Ma prima una fastidiosissima gag, solo per motivare la presenza di Tersigni, che non riesce a dire buonasera con la “U”. Il primo Live si apre con la ferale notizia: serata di inediti. Via, si comincia.

Manuel Agnelli

Pur di sponsorizzare i suoi Bengala Fire dice che fanno roba attualissima, quando andava di moda quasi 20 anni fa. Piace al sottoscritto ma, ecco… Severo ma giusto con Versailles. Mezzo voto in meno per la scontatissima battuta sul corpo di ballo. Voto 5,5.

Emma Marrone

Vale LP, Gianmaria e Le Endrigo. Arriva ai live convinta di aver selezionato solo donne e quando si accorge che non è così ci rimane malissimo. Ma in fondo c’è lei che è femmina per tutti gli altri. Per presentare Vale LP usa una serie di similitudini romane, ma non c’è motivo: è di Caserta. Voto 7.

Mika

Meno male che c’è lui a dare un tocco di colore al bancone. Si intristisce quando si accorge che parla sia l’italiano che il francese peggio di Nika. Bello lo scambio di battute con Emma. Voto 7,5.

Hell Raton

Sorpresa anche per Manuelito, che ai live si ritrova tra le mani un team prettamente geografico: Versailles, Karakaz e Baltimora. Gli manca il collarino ecclesiastico per essere un prete ei suoi giudizi sono in linea con il look: democristiani. Voto 6.

Bengala Fire

Lex, Orso, Borto, Mario. A differenza dei Karakaz, loro hanno dei nomi. Il frontman, per dirlo alla Maroon 5, moves like Jagger. Pronti per sostituire i Maneskin a Las Vegas, altro che Valencia. Voto 8.

Baltimora

Ah, Baltimora. Popolosa città del Maryland famosa per le sparatorie e le tortine di granchio. Come quello che potrebbe aver preso in squadra Hell Raton, quando alle audition si chiamava ancora Edoardo Spinsante. Ma l’esordio, da “svecchiato bene”, è convincente. Voto 7,5.

Nika Paris

Vestita alla Dick Tracy, l’enfant terrible della musica bulgara ha appena lanciato il tormentone della prossima estate che, parbleu, finalmente non sarà in spagnolo. Voto 8,5.

Gianmaria

Il disagio della provincia italiana è reale. Ma quello del perennemente imbronciato Gianmaria è troppo. La sua canzone parla di suicidi, per aggiungere vivacità al personaggio (e ai telespettatori). Voto 6.

Vestfalia

La Pace di Vestfalia, che pose fine alla guerra dei Trent'anni, segnò la decadenza della Spagna. L’esibizione dei Vestfalia, invece, ha posto fine alla mia voglia di guardare i Live. Leggermente ampollosi. Voto 5,5.

Versailles

The Truman Show è un film del 1998 diretto da Peter Weir e interpretato da Jim Carrey, fino ad allora conosciuto per ruoli comici in film demenziali. Lo scrivo perché sulla canzone di Versailles e su di lui c’è poco da dire. Voto 5.

Ospite: Carmen Consoli

Carmen Consoli con Max Gazzè al basso e Marina Rei alla batteria. Ed è subito Anni ‘90, ed è subito compilation di Sanremo, e va bene così. Voto 7,5.

Mutonia

Il cantante fa il Rebel e per una volta si mette almeno la giacca, spacciandosi per il frontman dei Karakaz. Emma non apprezza. La voce c’è, il pezzo però è deboluccio. Voto 6.

Fellow

Più impostato di Accorsi, Fellow ha una dizione meravigliosa. Pronto per registrare il suo primo audiolibro, trova il tempo per salire sul palco di X Factor. Ed è strage di cuori. Voto 7.

Vale LP

Incomprensibilmente porta Cherì invece di Porcella (che aveva portato ai Bootcamp). Ma quando hai così tante hit e devi scegliere, alla fine scontenti sempre qualcuno. La cazzimma c’è, la sua esibizione non è tra le migliori della serata. Voto 6,5.

Karakaz

Il cantante, molto umile, usa il plurale maiestatis per descrivere la sua, ops loro, musica. Useless è il titolo della canzone, ma anche lo status della band nel futuro mercato discografico. Voto 6.

Erio

Erio, l’uomo che cadde su Livorno. Canta Amore vero: quello che prova per lui Manuel Agnelli. L’emozione gli tira fuori una erre moscia che ci era un po’ sfuggita. Voto 8.

Le Endrigo

I loro sono look osceni, dice Emma, che sedendo accanto a Mika dovrebbe averci fatto il callo. Tuttavia non ci sentiamo di correggerla. Sempre più catchy il ritornello del loro pezzo. Voto 7,5.