Fare stretching: tutti i benefici per schiena, gambe, spalle, glutei

Guida Guida

Fare stretching aiuta ad allungare i muscoli e a renderli flessuosi ed elastici, con benefici fisici, psicologici e anche estetici.

Non solo torsioni, piegamenti, addominali e cardio: quando si parla di attività fisica, nessun allenamento può iniziare (o terminare) senza fare stretching, un esercizio fondamentale per mantenere le gambe scattanti, la schiena e le spalle rilassate e in generale muscoli flessuosi ed elastici grazie alle poche, semplici regole per eseguirlo bene.

Stretching schiena: i benefici

Lo stretching, e cioè l’allungamento e lo stiramento muscolare, è indispensabile non soltanto per chi si allena con costanza, ma anche per chi passa lunghe ore seduto o comunque in posizioni che affaticano la colonna vertebrale e i muscoli della schiena, con conseguenti dolori più o meno intensi.

Una muscolatura contratta e rigida ha ripercussioni sull’intera postura, e in generale sulla qualità della vita, e se nell’immediato lo stretching può aiutare a rilassare i muscoli dando immediato sollievo, a lungo termine può aiutare non soltanto a guadagnare una postura più corretta, ma anche a prevenire patologie come discoprite, artrosi ed ernie.

Il mal di schiena, insomma (a patto che non si tratti di un dolore originato da altri disturbi) si combatte in primis con lo stretching effettuato su base regolare.

Stretching gambe: i benefici

Lo stretching è indispensabile che per quanto riguarda le gambe: imparare come fare stretching prima di correre e praticare regolarmente gli esercizi aiuta a evitare e prevenire infortuni e a rendere al meglio durante la corsa, impedendo inoltre l’accumulo di acido lattico e il conseguente dolore muscolare che si sperimenta all’indomani da un allenamento particolarmente intenso.

Lo stretching gambe aiuta inoltre ad allungare i muscoli e a renderli flessuosi ed elastici, migliorando la performance durante l’allenamento e potenziandone al massimo gli effetti, anche dal punto di vista estetico.

Stretching spalle: i benefici

Le spalle sono un’altra zona del corpo in cui si concentra la tensione: eseguire esercizi di allungamento aiuta a rilassarle e a prevenire dolorose contratture, prevenendo anche l’insorgere della cervicale.

Nella stragrande maggioranza dei casi, a determinare la rigidità delle spalle e il conseguente dolore è una postura scorretta, soprattutto in chi lavora per molte ora seduto davanti a un computer: lo stretching è un modo semplice e immediato, se eseguito bene, di avere un po’ di sollievo sia a livello fisico sia a livello mentale, allontanando con la rigidità anche stress e tensioni.

Stretching glutei: i benefici

Anche i glutei ricavano numerosi benefici dallo stretching: i soli esercizi di tonificazione non bastano per sfoggiare un lato b da urlo, è importante anche allungare i muscoli allenati per assicurare flessibilità ed elasticità. Lo stretching dei glutei si ripercuote inoltre positivamente sull’articolazione dell’anca e sulla schiena.

La risposta alla domanda quando fare stretching, dunque, è una sola: sempre, quando possibile, anche per soli 5 minuti, soprattutto prima dell’inizio e alla fine di ogni allenamento.

Per essere sempre aggiornato sugli ultimi contenuti di DeAbyDay, clicca sulla nostra Homepage!
Sport e fitness
SEGUICI