Make Up Different - Diana: «Ho sempre nascosto le mie lentiggini»

Ti potrebbero interessare
Diana ha sempre tentato di camuffare le sue lentiggini, ritenendole un difetto. Mara De Marco la pensa in modo nettamente diverso. Ecco il look che ha pensato per lei.

Diana è l’emblema di come cambiano i tempi. Diana è una bella ragazza, piena di meravigliose lentiggini. Fino a qualche anno fa le lentiggini erano ancora considerate una caratteristica da coprire, oggi addirittura c’è chi se le tatua. Io amo le lentiggini, e spesso me le disegno appositamente per dare un tocco di freschezza al mio viso. Quale occasione migliore per mostrare come valorizzare al meglio questa caratteristica, imparando ad eseguire una base che non nasconda le lentiggini e anzi rinforzarle per creare un look ancora più deciso.

Prima di vedere il risultato, conosciamo meglio Diana in questa intervista!

PARLACI UN PO' DI TE

Sono nata nel 1991 a Torino. Ho iniziato gli studi come perito linguistico aziendale perché ho sempre voluto viaggiare e lavorare all’estero, ma nella mia famiglia l’impronta creativa/artistica è sempre stata molto forte. Quando avevo 15 anni mio papà è mancato e per aiutare mia mamma ho iniziato a lavorare dopo scuola nel negozio di famiglia, per darle il cambio quando lei faceva un secondo lavoro. Poi però, ho deciso di seguire il mio amore per l'arte e mi sono iscritta all’Accademia di Fashion Design a Milano, in quel periodo lavoravo e studiavo. 

Prima di laurearmi ho avuto un bambino, Jacopo, che adesso ha 6 anni. Dopo il lancio del mio brand ho deciso di seguire il mio compagno in Sicilia, dove ho aperto un laboratorio tessile che mi desse la possibilità di autoprodurre le mie collezioni. 

Purtroppo però una volta realizzato quanto l’ambiente intorno a me fosse ostile, chiuso ad ogni evoluzione e contro ogni mio principio etico sono iniziati anche i problemi con il padre di mio figlio, che non voleva assolutamente lasciare la sua terra. Nel frattempo la mia piccola impresa aveva subìto un’estorsione e dopo aver denunciato e non essere stata ascoltata da nessuno perché “lì funziona così” ho deciso di licenziare le mie dipendenti (ormai care amiche) e chiudere, piuttosto che finanziare attività illecite con il nostro lavoro. Il danno morale ed economico è stato incalcolabile. In seguito ho dovuto iniziare una dura battaglia legale per ottenere l’affido di Jacopo con collocazione a Torino. Dopo due anni molto difficili, il Tribunale mi ha finalmente autorizzata a tornare a casa con il mio bambino. Da lì, perché tutto tornasse davvero a posto c'è voluto altro tempo, altre battaglie. Ma sono viva e nessun ostacolo può separarmi per sempre dai miei obiettivi. Punto ancora in alto ed il mio mantra di ogni giorno è THE SHOW MUST GO ON. 

PERCHÉ HA PARTECIPATO

Il progetto di Mara mi ha colpita da subito. Ho sempre cercato di camuffare le mie lentiggini, le ho sempre considerate un difetto: ho pensato che un punto di vista diverso poteva creare una prospettiva nuova di me. La mia più grande debolezza è sempre stata quella di mostrare liberamente un’insicurezza o un lato vulnerabile. Non ho mai avuto la possibilità di poter abbassare la guardia. Questa è stata la mia occasione per mostrare a me stessa che far diventare le debolezze una risorsa è possibile e mostrarle non è un pericolo, ma banalmente il nostro lato umano.

COSA HA SIGNIFICATO QUEST’ESPERIENZA?

Ho vissuto quest’esperienza come un esperimento. Su me stessa e sull’universo interiore che lega il mondo al nostro aspetto. Ho sempre curato l’immagine altrui, ma non avevo mai osato sedermi dall’altro lato della fotocamera e per me ha segnato un passaggio, mi sono sentita liberata da un freno. La stima per il lavoro di Mara, credo mi abbia accompagnata ed aiutata a superare un mio limite e il bello di tutto ciò è che mi sono sentita bella e mi ha dato la stessa soddisfazione che danno i miei lavori meglio riusciti. Sono stata per la prima volta un’opera di Mara ed anche la mia

CREDITS

Video Content Specialist: Valentina Mele
Regia e montaggio: Valentina Mele
Riprese: Claudio Lucca e Claudiu Rednic
Dop: Claudio Lucca
Make Up Artist: Mara De Marco

Un ringraziamento speciale a Diana Andreotti

Bellezza e stile
SEGUICI