special

Yummy dummies - ricette a prova di incapacy

In cucina non sempre è vero che a tutto c’è rimedio, ma è vero che dietro ogni abominio culinario c’è sempre un perché e ve lo spiega Sofia, in arte Cucinare Stanca. Tutti i venerdì su DeAbyDay!

by Cucinare Stanca

Vai allo speciale
Foodies

Torta di riso: se volete che ridiamo, fateci ridere

  • Difficoltà

    facile

  • Categoria

    Dolci

  • Porzioni

    8-10

  • Tempo preparazione

    20 min

    PT20M

  • Tempo cottura

    120 min

    PT120M

  • Tempo totale

    140 min

    PT140M

  • Cucina

    Italiana

  • Cottura

    in forno

Il riso è il protagonista di questa ricetta dolce, facile e buona. Ma è bene ricordare che ci sono situazioni in cui il riso non andrebbe servito, mai.

Il riso è il protagonista di questa ricetta dolce, facile e buona. Ma è bene ricordare che ci sono situazioni in cui il riso non andrebbe servito, mai.

«Me lo fai un sorriso? Sì però fatte ‘na risata! Ma tu non sorridi mai? Sto scherzando eh, sorridi!’».
Per favore ragazze non sorridete.
Questa è la frase che avevo pensato di scrivere alla fine di questo articolo, però la metto prima, perché lo so che avete problemi di attenzione e leggete solo le prime quattro righe di qualsiasi cosa scritta, ma per me è troppo importante che vi mettiate una bella faccia da sfinge, stiate ferme con quella maledetta bocca quando qualcuno si allarga in pesanti avances, dette anche molestie verbali

Il (sor)riso è una cosa seria

Se penso alle mie giornate ammetto che io sorrido pochissimo, non sorrido davvero neanche quando scrivo «ahahaha» su WhatsApp, figuratevi. 
Non sorrido non solo perché fino a quest’anno ho portato l’apparecchio fisso e quindi ho imparato l’arte di nasconderlo (problema mio), ma perché obiettivamente ho ben poco da ridere e se continuate a leggere, capirete che neanche voi avete molto da ridere, in una società che non si immedesima con voi, con la vostra quotidianità, che vi dipinge angeli e guerriere del focolaio, nate per sopportare, ma allo stesso tempo vi impone di essere forti "come un maschio", senza essere tutelate "come un maschio" però.

Tuttavia il motivo principale per il quale io non sorrido è perché posso farlo, perché nonostante io lavori in un ambiente fortemente maschilista e sia spesso oggetto di battute sessiste e volgari, sono privilegiata, non ho nessuno a cui rendere conto, nessun capo, nessuna richiesta più o meno implicita di essere accondiscendente e di sorridere al cliente, qualunque cosa accada.
Lo faccio, incapacy mie dal sorriso facile, perché non sento più l’obbligo di liberare l’altro dall’imbarazzo e dal gelo che soffia quando ritiene necessario commentare il mio corpo, il mio abbigliamento o invadere la mia privacy, non ritengo l’interlocutore degno di ricevere la mia grazia, anche perché le grazie le fa la Madonna e noi siamo la Madonna? No.

Non fa parte più del mio istinto farmi scivolare la cosa addosso, soprattutto perché sono convinta sia educativo nei confronti di una specifica categoria di uomini che, senza troppe condanne, sono obiettivamente poco avvezzi a immedesimarsi nella giornata di una donna comune (anche senza intenzionalità, solo per mancanza di contatto con il nostro genere) e quindi abbiano proprio bisogno di confrontarsi duramente sulle conseguenze delle loro parole su di noi.
Mentre per gli altri, che hanno come missione il perpetrare atteggiamenti patriarcali con coscienza e volontà, non ho molte speranze, se non l’umiliazione continua e costante e magari una legge più severa.

Perché è bene negare il riso a un cattivo gioco

Quindi lo faccio, così come dovreste fare voi (in situazioni sicure sia chiaro, e non reagendo di notte mentre tornate da sole a casa e qualcuno vi segue o vi fa catcalling), per essere di supporto alle altre donne, con caratteri diversi dal mio, esperienze diverse, ma soprattutto per quelle che non vivono situazioni privilegiate nelle quali ci si può scontrare senza conseguenze fisiche e lavorative. 
È utile ripetere che sorridere a una molestia sul momento può sembrare che liberi da una situazione scomoda, ma nella pratica la nostra singola azione incatena tutte le altre al reiterarsi di un atteggiamento sbagliato.

Risulta a tutte più semplice tagliare corto con un sorriso tirato e accondiscendente? Sì, lo so. Ma mi chiedo onestamente: cosa vi ridete, che siete le ultime persone che dovrebbero ridere?

Dietro alla vostra risata, che certamente vi leva una crepa grossa come una casa, ossia quella di trovarvi nella migliore delle ipotesi davanti a qualcuno che vi definisce frigide, lesbiche o ingrate, per averli guardati serie e con disprezzo dopo un intervento inopportuno, c’è un’autorizzazione, non solo verso di voi, ma verso tutte.

È giusto ridere e pensare solo dentro di se "guarda questo povero XYZ*?" (*XYZ = parola che la mia editor mi ha detto che sarebbe meglio parafrasare). 
No, lasciare l’altro nella melma del proprio imbarazzo è giusto, è l’unico modo che abbiamo per educare l’interlocutore, che molto spesso si offende perché noi non mostriamo gratitudine, obiettivamente dovremmo essere piuttosto onorate di ricevere un direttissimo: «ammazza che bel davanzale!». Battuta, se mi permettete di dirlo, obsoleta: rinnovatevi vi prego!
Mi chiedo anche se a un’affermazione del genere debba seguire la nostra risposta: «ah ti piace? Aspetta che mi levo la maglietta».

L’unico riso che vi voglio vedere in bocca ragazze, escluso quello ovviamente sincero e non dovuto, è un pezzo di torta di riso che facciamo oggi, che ti fa sorridere veramente perché è facile e buona, a prova di incapacy che non potrebbero mettere piede in cucina per legge.

Cosa vi serve:

Ingredienti

  • Un po’ di coraggio e di solidarietà verso le proprie simili
  • 1 litro di latte intero
  • 300 g di zucchero (nome comune di cosa, non nome proprio di persona; ‘’Ciao Zucchero’’, non si può più sentì)
  • 150 g di riso tutti i tipi tranne il Parboiled
  • 8 Uova
  • Semi di una bacca di vaniglia o cannella se vi piace

La ricetta della torta di riso a prova di incapacy

Il procedimento è semplice, anche se non ci credete, tanto quanto rimanere serie a una molestia verbale:

  1. Fate bollire il riso in abbondante acqua, ovviamente senza salarla, scusate se vi sentite offese, non mi interessa, se mi sento di specificare l’ovvio credetemi ho i miei motivi, sorridete però! (scherzo vi prego)
  2. Una volta cotto il riso, scolatelo e senza scottarvi, vi scongiuro, asciugatelo in un panno pulito, strizzatelo bene.

  3. Sbattete le uova, versateci all’interno il latte, lo zucchero e gli aromi che avete scelto
  4. Incorporate il riso a temperatura ambiente, se no frittata, di riso.

  5. Versate il composto in una teglia imburrata bene.
  6. Cuocete in forno statico a 190° per due ore abbondanti, in cui vi eserciterete a fare degli sguardi troppo cattivi da utilizzare in caso di emergenza o una lista di risposte da dare, che se non vi vengono in mente potete scrivermi e ve le suggerisco
  7. Passato questo tempo dovrebbe essersi creata una crosticina scura sulla superficie della torta, se non si è creata alzate al massimo la temperatura del grill e, non togliendole mai gli occhi di dosso, attendete che brunisca.

Ragazze per favore, se siete arrivate fino alla fine della ricetta, non sorridete, grazie!

Previeni gli orrori culinari da incapacy! Guarda la gallery di Cucinare Stanca.

Foto: Ilaria Muri