special

Yummy dummies - ricette a prova di incapacy

In cucina non sempre è vero che a tutto c’è rimedio, ma è vero che dietro ogni abominio culinario c’è sempre un perché e ve lo spiega Sofia, in arte Cucinare Stanca. Tutti i venerdì su DeAbyDay!

by Cucinare Stanca

Vai allo speciale
Foodies

Risotto radicchio e caciotta, il sapore dell'umiltà

  • Difficoltà

    media

  • Categoria

    Primi Piatti

  • Porzioni

    2

  • Tempo preparazione

    15 min

    PT15M

  • Tempo cottura

    15 min

    PT15M

  • Tempo totale

    30 min

    PT30M

  • Cucina

    Italiana

  • Cottura

    In pentola

Gli ingredienti di un risotto perfetto: burro senza dubbio, un brodo saporito e... l'umiltà di voler imparare. Parola di Cucinare Stanca!

Gli ingredienti di un risotto perfetto: burro senza dubbio, un brodo saporito e... l'umiltà di voler imparare. Parola di Cucinare Stanca!

Quando mi sono trasferita in Brianza, una sera a caso, ho scoperto l’umiltà.
Ero a cena dalla mia prima amica che ho avuto in Brianza, antipasto ok, primo piatto: un risotto giallo, ossia zafferano e luganega, una salsiccia tipica lombarda.

Al primo assaggio mi sono fermata e, presa da un moto di consapevolezza, mi sono dovuta dire brutalmente: «Ok, questa cosa non la so fare», ed ero così contenta in realtà... (poi vi dico perché).
Attenzione, non era la prima volta che me lo dicevo eh, ma era la prima volta che me ne facevo un problema. Era la prima volta in cui mi rendevo conto che il mio risotto non si avvicinava neanche lontanamente a quello che avevo assaggiato quella sera, fatto da una persona comune, non da un’esperta. Quello che facevo io non era cattivo, ma non era risotto.

Ero così contenta perché qualcosa mi era stato svelato, a mie spese eh, perché un pochino mi sono vergognata per tutte le volte che, inconsapevolmente, avevo invitato qualcuno a mangiare il risotto ai funghi a casa mia e mi era anche stato detto che era buono. Probabilmente nessuno aveva assaggiato un risotto in Lombardia, fatto dalla mia prima amica della Brianza.

Vorrei fare un discorso motivazionale su quanto le difficoltà e le sfide mi stimolino. In realtà le difficoltà mi appesantiscono e le sfide mi preoccupano, ma una cosa che ho imparato da poco, dicevo, è l’umiltà. Cioè, l’ho imparata quella sera, in cui bello tutto, so cucinare, so due, tre regole di base, ma ho dovuto abbassare le penne, e chiedere: «mi insegni a fare questo risotto? Ti pago».
Lei mi ha risposto come se le avessi chiesto: «mi insegni ad allacciarmi le scarpe?».

Questa cosa che il risotto sia una specie di skill innata in Lombardia mi ha fatto sentire molto arrabbiata, talmente arrabbiata che due giorni dopo mi sono presentata a casa della mia prima amica della Brianza con la spesa. Praticamente mancava tutto, a detta sua, ma soprattutto mancava una cosa: il burro.

A Roma il burro non viene utilizzato molto di frequente: siamo persone da olio d’oliva, non ci potevo pensare mai che facesse la differenza in modo netto nella preparazione del risotto. Ma ero un po’ rigidina all’idea di infilare in un piatto un tocco di burro grande come una prugna, eppure… ora lo faccio a cuor - più o meno - leggero.

Ci sono molte cose alle quali stare attent* nella preparazione del risotto, una su tutte, il brodo di carne, che (vogliatemi bene lo stesso, ma non ho 10 pagine di articolo), questa è l’unica volta che vi dico «fatevelo spiegà da nonna».
Altro accorgimento da tenere: la pentola. L’ideale sarebbe averne una di rame. Lei l'aveva, (anche qui tramandata da chissà chi), molto vissuta, purtroppo la volevo rubare ma non mi entrava nello zaino... Per questo ci accontenteremo di una pentola in acciaio, che distribuisce il calore in modo forte e uniforme.
Dovete avere pazienza, stare in piedi davanti al risotto, guardarlo, parlargli e interpretarlo.
Io oggi ovviamente, cuore impavido, non preparerò il risotto giallo, ma preparerò il risotto al radicchio, con un roman touch: pezzi di caciotta.

>>>Leggi anche: "Torta di Zucca: gli altri sognan se stessi e tu sogni di loro"

Partiamo, cosa vi serve per due persone:

Ingredienti

  • 150 g di riso, (non un riso a caso, Carnaroli o Vialone Nano)
  • 130 g di radicchio
  • 1 scalogno piccolo
  • 1 litro di brodo di carne o anche vegetale
  • 40 g di burro tagliato a cubetti e messo in freezer, più una noce per il soffritto
  • 1 bicchiere di vino rosso e uno per voi, alla goccia
  • 40 g di parmigiano
  • Due fette abbastanza spesse di caciotta romana
  • Due/tre rametti di timo
  • Sale e pepe

Ingredienti del risotto radicchio e caciotta

La ricetta del risotto radicchio e caciotta a prova di Incapacy

  1. Prima di tutto sciogliete una noce di burro in padella e soffriggete lo scalogno tritato molto finemente.
  2. Nel frattempo tagliate il radicchio in pezzi non troppo grandi (ma anche grandi, non mi interessa non vengo a cena da voi)
  3. Una volta che lo scalogno è diventato biondino mettete a tostare il riso.
  4. Mescolate di tanto in tanto e quando anche questo si sarà leggermente colorito (non marrone, anche se so che è un colore), aggiungete il radicchio e salate, non troppo.

    Risotto step 4

  5. Mescolate, allenatevi, perché lo dovrete fare un po’ di volte e, una volta che il radicchio sia bello appassito, come le mie speranze che siate arrivati a leggere a questo punto della ricetta, versate il bicchiere di vino rosso e fate evaporare.
  6. Una volta evaporato il vino iniziate con i mestoloni di brodo: i primi devono ricoprire di almeno un dito, anche due, il risotto.
  7. Io non lo copro mai con un coperchio: il risotto è uno sbattimento, lo dovete guardare e capire, mescolate, mescolate a fiamma media, e ogni volta che evapora troppo il brodo dovete procedere a versarlo di nuovo, fino a cottura.
  8. Adesso dovete stare ben calmi e ascoltarmi, spostate la pentola dal fuoco (non significa spegnete il fuoco sotto la pentola e lasciatela lì), aggiungete il burro gelato, il parmigiano e un mestolo di brodo. Con un cucchiaio fate affondare il burro e il parmigiano e coprite con un coperchio. Lasciate a riposare due minuti circa.
  9. Passato questo tempo mescolate con un cucchiaio, giusto per far sciogliere eventualmente il burro rimasto più solido
  10. Ora senza farvi male, posate il cucchiaio, prendete i manici o il manico della pentola e fate quel movimento da chef che vi piace tanto, lo dovete far saltare, quindi un gesto che porta il riso a muoversi e mescolarsi senza l’intervento del cucchiaio.
  11. Fatelo riposare 1 minuto e servitelo caldo, con i cubetti di caciotta sopra, se è freddo è 'na colla.
  12. Il pepe mettetelo quando volete.

Ciao Incapacy, non saper fare una cosa non è una condanna ma una ricchezza, a maggior ragione per voi che non sapete fare niente e avete tutta la vita per imparare tutto. Se abbassate anche voi un po’ le penne (perché nessun atteggiamento, più dell’orgoglio e del senso di sfida, ci limita e ci rende ignoranti), vedrete in un anno cosa mi diventate. State con gli occhi aperti e chiedete sempre agli altri di insegnarvi qualcosa, è bellissimo ed è gratis.

Foto: Ilaria Muri