Tempo Libero
Tempo Libero

X Factor 2021, seconda puntata dei Live: i voti della serata

Dopo l’esordio in diretta dedicato agli inediti, per i dodici in gara è stata la volta delle cover. Ed è arrivata la prima eliminazione: vanno a casa i Westfalia. Le pagelle di giudici e concorrenti.

Dopo l’esordio in diretta dedicato agli inediti, per i dodici in gara è stata la volta delle cover. Ed è arrivata la prima eliminazione: vanno a casa i Westfalia. Le pagelle di giudici e concorrenti.

Mentre mi accingo a visionare la seconda puntata dei Live di X Factor, nella mia mente si fa strada una riflessione. Sarà più serata di cover questa oppure la prima? In fondo, abbiamo ascoltato già talmente tante volte i presunti inediti che ci sono sembrati vecchi. La puntata inizia con Tersigni vestito come un portiere d’albergo, si comincia bene. Partiamo.

Emma Marrone

Sono un grande estimatore di Emma, ma non posso fare a meno di notare che è pettinata come uno stegosauro. Azzeccate le scelte delle cover. Voto 6.

Mika

Si è dimenticato le paillettes a casa, ma si fa forza e inizia picchiando subito duro su Le Endrigo. Piacevole il battibecco con Emma nella seconda manche. Molto meno sentirlo parlare napoletano. Voto 7.

Manuel Agnelli

Vestito da gangster, spara giudizi con giudizio. Pacato, maturo com’è normale, gigione quando serve. Terribile (ma divertente, da casa) lapsus al momento dell'eliminazione. Voto 6,5.

Hell Raton

L’eyeliner sta bene a tutti, ma sul bel faccino di Manuelito non va. O forse è il gilet codice a barre che mi disturba. Solite sentenze che non sanno di nulla. Voto 5,5.

Le Endrigo

Endrigo, nel senso di Sergio, cantava Lontano dagli occhi. Lontano dalle orecchie, invece, vorremmo Endrigo, nel senso di Le. Bella l’idea di omaggiare Raffarella Carrà con A far l’amore comincia tu, ma la versione dei paladini del palaculrock (cit.) non convince. Voto 5,5.

Baltimora

Il fu Edoardo Spinsante purtroppo non coverizza Tarzan Boy dei Baltimora, sarebbe stata una chicca. Canta invece Parole di burro. Ma è latte, alle ginocchia, quello che fa venire la sua esibizione. Molto sentita, da lui, e anche da noi. Voto 6,5.

Fellow

Sign of the Times di Harry Styles è stata un instant classic: una di quelle canzoni che ascolti la prima volta e pensi che sia lì da sempre. Quel puttino di due metri che è Fellow la esegue bene, ma non aggiunge niente. Voto 6.

Mutonia

Mika fa la domanda giusta: perché il cantante era vestito (da sposa)? E perché ha sempre quella faccia lì, chiedo io? Le risposte non convincono, così come nel complesso l’esibizione dei Mutonia. Con un brano che inizia con «let me violate you», beh, serviva più sesso. Voto 6,5.

Vale LP

Dove sta Zazà di Gabriella Ferri, una delle grandi dimenticate della nostra canzone. Una scelta à la Morgan da parte di Emma, valorizzata alla grande da Vale LP versione circense. Mika, vestito come un clown, non raccoglie l’invito. Voto 7.

Westfalia

Un’accozzaglia di roba senza senso. Abiti da figli dei fiori, falsetti come se non ci fosse un domani, il cantante vestito come Jack Sparrow sotto acido. Come vorremmo essere noi all’ascolto. Auf Wiedersehen. Voto 4.

Ospite: Chiello

No, purtroppo non il capitano della nazionale. Ma un tipo che di mestiere fa il cantante (!) usando il nome d’arte Chiello. Ci sono talmente tante cose che non vanno nei minuti che ha rubato alla mia vita che, beh, non mi ci voglio nemmeno soffermare. Voto 3.

Erio

Il tandem calcistico Protti-Lucarelli, Modigliani, Erio, il cacciucco. In futuro Livorno sarà conosciuto per queste cose qua, forse, ma deve sempre fare la parte dell’alieno? Fuoriclasse, però alla lunga potrebbe stuccare. Voto 7,5.

Karakaz

Sono quasi sicuro che dalla scorsa settimana il cantante abbia sostituito i vecchi strumentisti con altri tre. Bene così: i Karakaz, sempre uguali a sé stessi, brutalizzano SexyBack e dal pubblico piovono applausi. Voto 7.

Nika Paris

Agnelli la accusa di non aver messo sentimento nella sua esibizione, ma come si può con un coach talmente str***o da non darti una canzone in francese? Lei fa quello che può. Voto 6,5.

Gianmaria

Jenny sarà pazza, ma anche chi l’ha fatto arrivare fino a questo punto non scherza mica. La speranza è che questo supplizio termini presto. Voto 5.

Bengala Fire

Portano un pezzo dei Jam, gruppo di Paul Weller. Ovvero, il Gianni Morandi inglese. Essenzialmente uguale alla versione originale, ma per il sottoscritto è una piacevole sorpresa. Voto 7,5.

Versailles

Con la cover di Fantasma dei Linea 77 ha varcato un’altra linea, quella di demarcazione tra ciò che è indecente e ciò che non lo è. Voto 5,5.

Foto: xfactor.sky.it