Andrea, duca di York: il figlio preferito della regina tra amori e scandali

Notizia Notizia

Il terzogenito di Elisabetta e Filippo è stato più volte al centro di relazioni sbagliate, fino al triste epilogo della sua parabola reale. Ecco tutto quello che c'è da sapere sul “cocco di mamma” di casa Windsor 

Ti potrebbero interessare

I tabloid inglesi lo hanno da sempre definito il preferito di Elisabetta. Sarà che il suo destino è ben lontano dal trono inglese – è solo ottavo in linea di successione, stando all'albero genealogico – oppure sarà che la sua vita è stata costellata di errori sentimentali e relazioni molto discusse, ma Andrea duca di York è da sempre una figura laterale per la Royal Family ma amatissima dai tabloid. Le sue fidanzate “piccanti” hanno dato da mangiare a tantissimi giornalisti e ora lo scandalo Epstein ha messo nuova carne al fuoco.

Ecco chi è Andrea, duca di York, il figlio preferito della regina Elisabetta II.

Chi è Andrea, duca di York

Andrew Albert Christian Edward Mountbatten-Windsor è nato a Londra il 19 febbraio 1960. È il terzogenito di Elisabetta II e il Principe Filippo e, stando ai giornali inglesi, è anche il "cocco di mamma" di casa Windsor. Al contrario del principe Carlo, non è nato col regno in tasca. Forse per questo mamma Lilibet è molto tenera con lui e gli perdona tutto, amorazzi, divorzi e scandali compresi.

Dopo aver seguito l'istruzione canonica prevista per i maschi di Casa Windsor, Andrea ha scelto di non frequentare l'università, preferendo invece iscriversi al Britannia Royal Naval College a Dartmouth. Ha dedicato la sua vita alla carriera in marina e, col tempo, si è guadagnato il soprannome di "Andy the Rady".

"Andy the Randy"

Negli anni Ottanta i tabloid inglesi hanno coniato per lui l'espressione "Andy the Randy", che sta per "Andy l'arrazzato". Tutto a causa delle numerose storielle amorose coltivate dal futuro duca di York. Poi c'è stato il suo primo passo falso: Koo Stark. Lei è stata la prima fidanzata ufficiale del terzogenito Windsor, che ha portato anche a palazzo.

Un giornale scandalistico ha fatto saltare l'unione con delle foto di Koo sul set di un film porno, Emily. Qui la ragazza si dedicava a scene saffiche e accoppiamenti vari. Ad Andrea non è rimasto altro che consolarsi con un paio di attricette, prima di conoscere la dirompente Sarah Ferguson.

Il matrimonio con Fergie la Rossa

Il 23 luglio 1986 Andrea ha sposato Sarah Ferguson, conquistando in quel momento il titolo di duca di York, conte di Inverness e barone di Killyleagh. Nel 1988 la coppia ha messo al mondo Beatrice di York, oggi fida consigliere di suo padre, ed Eugenie (1990). Ma dal 1991 le cose in casa hanno iniziato a non andare benissimo e la coppia ha cominciato ad allontanarsi.

Foto: i duchi di York ai tempi del matrimonio con la primogenita/LaPresse

Fergie la Rossa si è guadagnata l'antipatia di suo suocero Filippo a causa dei numerosi scandali che negli anni Novanta l'hanno vista protagonista dei rotocalchi inglesi. Si è detto che la colpa fosse del troppo tempo che Andrea passava lontano da casa, lasciandola esposta alle cattiverie dei tabloid. È stata oggetto di body shaming a causa del suo peso e del suo look scarno e privo di stile, spesso paragonato per differenza a quello di Lady Diana.

Lei si rifugiava nei viaggi, fatti spesso con altri uomini. Tra i momenti più scandalosi della sua "carriera" nella famiglia reale ci sono stati il topless a Saint Tropez con John Bryan e lo scatto che la mostra in compagnia del miliardario texano Steve Wyatt, che le succhia un alluce.

Angie, diva di Playboy

Nel 1992, precedendo Carlo e Diana di pochi mesi, i due hanno annunciato la loro separazione. Così ad Andrea è tornato a consolarsi con qualche altro amorazzo. Ha fatto scalpore la sua relazione con Angie Everhart. Quando la relazione stava per diventare ufficiale, i soliti tabloid hanno tirato fuori degli scatti dell'attrice, pubblicati da Playboy e risalenti al 2000. Anche Angie è stata dunque allontanata dalla soglia di Buckingham Palace, questa volta prima che fosse troppo tardi.

Lo scandalo Epstein

Il sesso sembra essere sempre stato un problema per Andrea che, oltre al matrimonio, sembra essersi concesso anche più di una scappatella "innocente". Jeffrey Epstein, il miliardario americano, amico di vecchia data del duca di York, sembra averlo aiutato a soddisfare certi appetiti proibiti.

Il tycoon è stato accusato di decine di casi di abusi sessuali su minorenni. È morto apparentemente suicida in carcere il 10 agosto 2019. A far scoppiare il caso è stata Virginia Giuffre. Nel 2001 la ragazza ha raccontato di esser stata costretta da Epstein ad avere decine di rapporti sessuali a soli diciassette anni. Tra gli uomini che hanno abusato di lei c'era anche il duca di York. Una foto dell'epoca, spuntata di recente, sembrava confermare i fatti. C'era anche un video che mostra Andrea uscire dalla casa di Epstein.

La prima reazione da Buckingham Palace è stata di sdegno. La Regina si è schierata dalla parte del figlio, facendosi fotografare in macchina con lui. Ha anche appoggiato il riavvicinamento con Sarah Ferguson, che invece non va giù a Filippo. Ma alla notizia del suicidio del miliardario, qualcosa è cambiato. Sotto la spinta della primogenita Beatrice, Andrea ha concesso un'intervista sul caso Epstein alla BBC. «Non è appropriato per un membro della Royal Family, li ho delusi tutti», ha detto Andrea, negando poi di aver mai avuto rapporti sessuali con Virginia Roberts.

Il polverone alzato da questa intervista è stato fortissimo. I tabloid britannici l'hanno definita "la crisi più seria per i Windsor dai tempi dell’abdicazione di re Edoardo VIII per amore di Wallis Simpson". La Regina ha dunque capito che l'unica via di fuga era allontanare suo figlio da ogni incarico reale. Pur rimanendo nella Royal Family, Andrea non avrà più compiti pubblici e, da ottavo in linea di successione, può dire definitivamente addio al trono di Gran Bretagna. Pare che dietro questa decisione ci sia stata anche una certa pressione da parte di William, sempre più al centro dei processi decisionali della Corona.  

Immagine di apertura: LaPresse

Hobby e tempo libero
SEGUICI