Ricette base

Alga nori: cos'è e come usarla in cucina

Non solo sushi: tutto quello che c'è da sapere sull'alga giapponese protagonista di ricette sorprendenti.

Non solo sushi: tutto quello che c'è da sapere sull'alga giapponese protagonista di ricette sorprendenti.

Se siete appassionati di cucina giapponese o, meglio ancora, di sushi,  conoscerete di certo l'alga nori ma, in ogni caso, l'avrete già sentita nominare perché oggi il suo uso è molto diffuso anche in Italia e nel mondo occidentale. Ingrediente imprescindibile di parecchie ricette orientali, ecco le sue principali caratteristiche e come usarla in cucina.

Cos’è l’alga nori?

L’alga nori, come è facile dedurre, è un’alga giapponese rossa proveniente dall’Asia orientale. I suoi nutrizionali la rendono un alimento ricco di benefici: contiene infatti molti sali minerali e vitamine (specie la A, C, PP e b29) ed è un ottimo antiaggregante ed ipocolesterolemizzante. Oltre ai benefici, però, sarebbe bene conoscere anche le sue possibili controindicazioni: tra queste, il fatto di non poter essere mangiata in gravidanza, durante l’allattamento e da chi soffre di problemi alla tiroide.

Quanto al sapore dell'alga nori, questo è spiccatamente sapido ed è capace aggiungere sapore in ogni piatto, soprattutto in quelli che vogliono ispirarsi al mare. E’ disponibile in commercio, spesso e volentieri, sotto forma di fogli pressati e precedentemente tostati. Ma come si usa l'alga nori? Scopriamolo subito. 

Alga nori: come usarla in cucina

Tale ingrediente può essere utilizzato in cucina in ricette di ispirazione orientale più o meno elaborate. In linea generale trova largo impiego nella preparazione di zuppe e minestre. Apprezzata è, ad esempio, nella zuppa di miso. E’ indicata anche per insaporire i brodi e per dare vita a sfiziose insalate. E’ ottima, infine, come contorno. Non di rado, inoltre, la si può incontrare nelle bowl del pokè, in cui diventa un ottimo topping capace di aggiungere sapidità e sapore al piatto.

Non solo sushi: l'alga nori può essere impiegata anche in piatti di ispirazione tradizionale, che in questo modo acquisteranno gusto e sapore. Nella cucina vegana, ad esempio, l'alga può donare un piacevole sentore di mare alla preparazione: riuscirette a preparare degli spaghetti al (non) tonno che vi lasceranno senza parole!

L’alga nori e il sushi 

Ma quando si parla di alga nori, è sicuramente il sushi a venire immediatamente in mente a noi occidentali. Già, perché si trova in numerosi pezzi di tale pietanza di origine giapponese che abbiamo oramai adottato anche in Italia. L'uso dell'alga nori per il sushi è davvero vario, perché può avvolgere i classici rotolini o ricoprire completamente gli onigiri. Qui di seguito qualche esempio.

I futomaki

Futomaki in un piatto

Foto klenova © 123rf

Tra i pezzi di sushi più gettonati, i futomaki sono rotolini con un diametro piuttosto largo, composti esternamente da un foglio di alga nori con all’interno riso e salmone, avocado, tonno, cetrioli, Philadelphia, gamberi in tempura e tanto, ma tanto altro. Sono davvero molto gustosi. 

Gli Hosomaki

tanti hosomaki

Foto krimkate © 123rf

Piccoli ed accattivanti, i rotolini di nori con riso e pesce rappresentano uno dei più tipici piatti giapponesi serviti col sushi. Nel paese del Sol Levante si chiamano Hosomaki e sono possono essere ripieni di pesce o verdure. Quelli al tonno e al salmone sono senza dubbio i più apprezzati, ma anche quello vegani all'avocado o al cetriolo sono ottimi, complici anche la salsa di soia e il wasabi. 

Uramaki sushi (o california roll)

Tre uramaki

Foto sergofoto © 123rf

Negli uramaki l’alga nori si vede meno, ma c’è, e si trova all’interno di queste piccole delizie, rotolini di riso farciti con i più sfiziosi ingredienti. Impossibile resistere. L'esterno del rotolino, in questo caso, è infatti il riso che al suo interno nasconde pesce crudo (o cotto), salse e la famosa alga. Di varianti dell'uramaki ne esistono davvero moltissime, ma una delle più famose è senza dubbio quella degli Uramaki al tonno che al suo interno nasconde anche un velo di delizioso formaggio spalmabile. 

Gli onigiri

Foto Sergii Koval © 123rf

Si chiamano onigiri e sono fagottini di riso con un ripieno solitamente di pesce. Rappresentano il perfetto pranzo al sacco in stile nipponico, perché sono molto facili da trasportare, soprattutto all'interno di un bento. Qui l'alga nori appare in diversi modi. Può essere una semplice striscia da prendere con le dita quando si addenta l'onigiri (perché il riso tende ad appiccicarsi) o può ricoprire completamente il fagotto di riso. Entrambe le versioni sono ottime! 

Foto di apertura:  kps1234 - 123rf.com