special

Yummy dummies - ricette a prova di incapacy

In cucina non sempre è vero che a tutto c’è rimedio, ma è vero che dietro ogni abominio culinario c’è sempre un perché e ve lo spiega Sofia, in arte Cucinare Stanca. Tutti i venerdì su DeAbyDay!

by Cucinare Stanca

Vai allo speciale
Foodies

Pasta patate e provola: l’integrità è sopravvalutata

  • Difficoltà

    facile

  • Categoria

    Primi Piatti

  • Porzioni

    4-6

  • Tempo preparazione

    10 min

    PT10M

  • Tempo cottura

    45 min

    PT45M

  • Tempo totale

    55 min

    PT55M

  • Cucina

    Italiana

  • Cottura

    In pentola

Forse il miglior proposito per il nuovo anno e tirare fuori il meglio da ciò che si ha. E se stiamo a pezzi, anche da questo caos apparente può venire fuori un capolavoro... come questa ricetta ci insegna!

Forse il miglior proposito per il nuovo anno e tirare fuori il meglio da ciò che si ha. E se stiamo a pezzi, anche da questo caos apparente può venire fuori un capolavoro... come questa ricetta ci insegna!

Ora che il 2022 è già iniziato da due settimane non ha senso che io vi faccia gli auguri di buon anno, parliamoci chiaro. Anche perché non sono neanche capace di fare queste cose, né di dire frasi di incoraggiamento generico sui buoni propositi, i cambiamenti e l’allegria.

Io devo avere qualche problema cognitivo, perché la maggior parte delle frasi motivazionali non le capisco, probabilmente perché sono poco poetica e prendo tutto alla lettera. Una frase che però proprio non mi torna è quella sulla mela: non sei metà della mela, forse sei una pera, comunque sei un intero, non ti manca niente.

Beato te, a me manca tutto, o come dice Zerocalcare nel murales a Rebibbia “Ci manca tutto ma non ci serve niente”. Ho tutti pezzetti sparsi di tutto, ma non li so mettere insieme, spesso non li trovo, ma quasi sempre non so cosa farci, quindi manco di propriocezione (ma pure voi, perché lo vedo dalle vostre lamentele).

In difesa dell'ordine sparso (si sta bene pure a pezzetti)

Non sto facendo Biancaneve eh, non mi chiamo Aurora la Bella addormentata, sarei ingrata verso me stessa e le lamentele mi annoiano sempre, soprattutto le mie.
Ho smesso l’anno scorso di lagnarmi, sia messo agli atti, non tantissimo tempo fa.
Se dobbiamo per forza darci un buon proposito, per me è sempre e solo uno quello che vale: fare con ciò che abbiamo, al di là della grandezza dei pezzi. Anche i coriandoli stanno in una busta e servono a qualcosa e noi, che stiamo a coriandoli, possiamo provare a dargli un senso, un sistema.
A dimostrazione del fatto che anche dalla confusione e dai piccoli pezzi può uscire qualcosa di buono e inaspettato, vi propongo la pasta patate e provola, perché il proposito della dieta dopo le feste fa ride, non ha senso, quindi lo voglio ignorare coscientemente.

La pasta patate e provola per venire bene deve essere sfragnata: tutto deve essere tagliato in piccoli pezzi e la pasta che si utilizza è quella mista, ossia le rimanenze di tutti i formati di pasta con lo stesso tempo di cottura, spezzati, sfragnati e disintegrati, ma contenuti in un pacco.
Vi ricorda qualcuno? Noi.

Allora, visto che il mio modo di operare è sempre molto pratico, vi dimostro empiricamente quanto stare a pezzi possa essere un valore, attraverso questa ricetta: basta un collante generale che può essere lo stesso amido rilasciato dalle patate sfregnate e tagliate a piccoli pezzi o la provola, perché alla fine venga quasi un capolavoro.

Ingredienti

  • 400 g di pasta mista (si vende già così, ma potete farvela anche voi, controllando che tutti i rimasugli di pasta abbiano lo stesso tempo di cottura)
  • 2 gambi di sedano
  • 1 carota
  • Mezza cipolla
  • 250 g di provola
  • 100 g di parmigiano
  • 70 g di pancetta
  • 500 g di patate
  • 2 litri d’acqua
  • Olio Evo
  • Sale
  • Pepe
  • Rosmarino e basilico
  • Peperoncino a vostro gusto

Ingredienti pasta provola e patate

pasta mista

La ricetta della pasta patate e provola a prova di Incapacy

  1. Frullate le carote, il sedano e la cipolla, vi direi anche di tagliare al coltello, ma siete grossolani lo so, quindi preferisco che frulliate tutto.
  2. Tagliate sia le patate, sia la provola a cubetti di circa 1,5/2 cm.
  3. In una pentola capiente, possibilmente antiaderente, fate soffriggere abbondante olio e trito di carote, sedano e cipolla. Se vi piace, in questa fase della ricetta, aggiungete anche al soffritto un rametto di rosmarino.
  4. Quando li vedete appassiti come la nostra psiche, versate sempre mescolando, la pancetta.
  5. Quando anche questa vi accorgete che non se la passa benissimo, si è un po’ dorata, inserite le patate e fatele soffriggere per circa 5 minuti a fuoco moderato.
  6. Non vi dimenticate mai di mescolare, ok?
  7. Passato questo tempo procedete affogando le patate in un litro d’acqua, assaggiate di sale, in caso correggete aggiungendolo, ma non esagerate perché la pancetta è salata e si fa sempre in tempo ad aggiungere piuttosto che a togliere. Fate cuocere le patate a fuoco lento per circa 25/30 minuti.
  8. Quando queste vi sembrano abbastanza cotte, alcune anche un po’ sfragnate, mettete la pasta.
  9. A seconda di quanta acqua è evaporata e di quanto amido è stato rilasciato dalle patate, versate ancora un po’ d’acqua, che sia sufficiente per cuocerci la pasta.
  10. Mescolate sempre, sempre, sempre.
  11. Quando la pasta vi sembra cotta, togliete la pentola dal fuoco, attendete 2/3 minuti e versate provola e parmigiano. Aiutandovi con un mestolo per spaghetti, girate vigorosamente, fino a che vedrete crearsi una specie di magia di patate e formaggio.

    Provola e patate step finale

  12. Finite il piatto con un filo d’olio a crudo, un po’ di pepe e qualche foglia di basilico.

    Provola e patate end result

Come volevasi dimostrare, stamo a pezzi, ma non ci serve niente.

Ciao incapacy carini.

Foto: Ilaria Muri