special

Yummy dummies - ricette a prova di incapacy

In cucina non sempre è vero che a tutto c’è rimedio, ma è vero che dietro ogni abominio culinario c’è sempre un perché e ve lo spiega Sofia, in arte Cucinare Stanca. Tutti i venerdì su DeAbyDay!

by Cucinare Stanca

Vai allo speciale
Foodies

Pasticcio di patate dolci: grazia graziella e grazie ar…

  • Difficoltà

    facile

  • Categoria

    Secondi Piatti

  • Porzioni

    6-8

  • Tempo preparazione

    50 min

    PT50M

  • Tempo cottura

    25 min

    PT25M

  • Tempo totale

    1 ora e 15 min

    PT75M

  • Cucina

    americana

  • Cottura

    In forno

Un Thanksgiving day ci sta tutto, anche se non siamo in America, per ringraziare specialmente noi stesse, con una ricetta buona e clemente.

Un Thanksgiving day ci sta tutto, anche se non siamo in America, per ringraziare specialmente noi stesse, con una ricetta buona e clemente.

Tra qualche giorno è il giorno del Ringraziamento incapacy cocority, una festa che nessuno di noi sa che cosa voglia dire, non fa parte della nostra cultura e della nostra tradizione. Vi evito di cercare su Google: il quarto giovedì di novembre (quest’anno il 25) negli Stati Uniti si ringrazia Dio per quanto ricevuto nell’anno precedente.

Lo vedo che storcete la faccia, che abbiamo ricevuto durante l’ultimo anno? Domanda retorica, non rispondiamo che non si possono dire parolacce su questo articolo.
Da quando nasciamo siamo sempre stati caldamente invitati dai nostri genitori a ringraziare per tutto: «Dì grazie a Zia», «Dì grazie a papà», per qualsiasi cosa. 
Non sto dicendo che sia sbagliato, sto dicendo che a forza di ringraziare per tutto, ci dimentichiamo di quelle cose per le quali non bisogna ringraziare nessuno eppure, troppo spesso, veniamo messi nella condizione di doverlo fare, uno su tutti, il lavoro.
Non voglio aprire una discussione infinita, anche se ci sarebbe da fare, sul diritto dei lavoratori, voglio solo dirvi di fermarvi un secondo e fare una lista delle cose per cui ringraziate, ma che in realtà sono solo frutto dei vostri sforzi, della vostra competenza e della vostra capacità relazionale.

Io per molto tempo, avendo un carattere abbastanza stupendo, no scherzo, abbastanza discutibile, mi trovavo a ringraziare le persone che decidevano di stare con me, in una relazione amorosa, ringraziavo i miei datori di lavoro dell’opportunità di farmi lavorare e i miei amici di essere miei amici. In questo modo mi affannavo davvero molto nel mostrare gratitudine, con gesti, remissività e altre cose pesantissime. Dite, ma poi che t’è successo? Quando sei diventata così cattiva?

L'importanza di ringraziare se stessi

La terapia mi è servita tanto per capire il valore delle cose che facevo, delle cose che possedevo dentro di me e per avere chiaro quanto di positivo apportavo nella vita degli altri, ma mi è servita a capire più di tutto, che quello che io desideravo ricevere, “l’amore incondizionato”, non esiste, una condizione c’è sempre, per tutti, per i genitori, per i partner e via dicendo. Quindi ho imparato, ancora non del tutto, a ringraziare me stessa quasi tutti i giorni per quello che sono riuscita a fare, al netto dei sensi di colpa, della sindrome dell’impostore, della mania di controllo sui sentimenti altrui.

Decomprimendovi leggermente, vedrete che vi sentirete meno grati nei confronti degli altri e più tranquilli nel dare e nel ricevere. Sentirete che quello che avete vi spetta, e che si ringrazia per un regalo, per un favore, ma non per l’amore e per la considerazione altrui, perché, a meno che non siate dei narcisisti mangiacuori, vi meritate tutto e, vi assicuro, che tutti leggiamo la stessa pagina, dello stesso libro, non siete soli in questo.

La ricetta che sto per farvi vedere, preparatela pensando di ringraziare voi stessi, è una ricetta buona, dolce e clemente, a base di patate dolci, molto utilizzate nella cultura americana, soprattutto nel giorno del Ringraziamento.
Oggi quindi instituiamo il nostro giorno del Ringraziamento, un giorno in cui ci ringraziamo da soli e non ringraziamo nessuno, facciamo una lista di cose che abbiamo dentro e che diamo agli altri, anche se non se le meritano.

Cosa vi serve:

Ingredienti

  • 7 patate dolci, di media grandezza
  • 300 g di formaggio filante, io ho usato la scamorza, ma qualsiasi altra cosa andrà bene
  • 2 etti di speck
  • 150 g di parmigiano reggiano
  • Olio EVO
  • Rosmarino
  • Sale e pepe

ingredienti pasticcio di patate dolci

La ricetta del pasticcio di patate dolci a prova di incapacy

  1. Sbucciate le patate senza sfilettarvi le mani gentilmente e fatele bollire per circa 30/35 minuti in abbondante acqua salata.
  2. Passato questo tempo fatele raffreddare, altrimenti il giorno del nostro Ringraziamento diventa il giorno che stiamo 24 ore all’ospedale, e tagliatele a fettine.
  3. Prendete una teglia rettangolare o come vi pare, il giorno è il vostro, per oggi siete liberi e cospargetela d’olio d’oliva.
  4. Tagliate a dadini il formaggio e sfilacciate a mano lo speck, altrimenti quando andrete a tagliare il pasticcio vi si sfragneranno (distruggeranno per i non romani) tutte le fette.
  5. Iniziate a stratificare:
    patate
    formaggio
    speck
    senza dimenticarvi sale e pepe quando ne sentite l’esigenza
    Fino ad esaurimento ingredienti.

    strati pasticcio di patate dolci

  6. Sulla superficie cospargete il pasticcio di abbondate parmigiano reggiano, pepe e se volete un po’ di rosmarino.
  7. Cuocete in forno ventilato a 200°C per circa 25 minuti.
  8. Non mi ringraziate, mangiatevelo da soli, quello che rimane fatelo a fette e surgelatelo, per quei giorni in cui vi dovete ricordare di ringraziarvi.

Ciao incapacy carini.

pasticcio di patate dolci porzione

Foto: Ilaria Muri