Drink e Cocktail

Spritz: 7 varianti da provare assolutamente

Tutti i tipi di Spritz: ecco le varianti del celebre cocktail veneziano da testare almeno una volta nella vita.

Tutti i tipi di Spritz: ecco le varianti del celebre cocktail veneziano da testare almeno una volta nella vita.

Protagonista assoluto degli aperitivi estivi e non, lo Spritz è il cocktail italiano che tutto il mondo ci invidia. Nonostante l'IBA ne abbia codificato la ricetta - ed i puristi vi si attengano con fermezza - dobbiamo farcene una ragione: lo Spritz veneziano è soggetto a tante e diverse varianti, e siamo qui per farvele conoscere tutte.

Gli ingredienti dello Spritz tradizionale sono vino bianco, seltz e bitter, con o senza una fetta di arancia. Questa è la base dalla quale dobbiamo partire per il nostro viaggio alla scoperta di tutte le versioni del drink.

Tutte le ricette dello spriz: varianti da non perdere

Lo Spritz è l'aperitivo per eccellenza. Non a caso, a Venezia lo si abbina con i famosi cicchetti, finger food di carne bianca, pesce, formaggi che, in vacanza nella città, ai turisti piace parecchio concedersi al calar della sera.

Ma per soddisfare tutti i gusti, nel corso del tempo alla sua versione originaria si sono affiancate variazioni sul tema parecchio interessanti. Il celebre cocktail con Aperol è oggi reperibile alla frutta, senza soda, analcolico, e non solo. Ecco tutti i tipi di Spritz nei quali potreste imbattervi.

Spritz col Campari

Se quello per antomasia si prepara con l’Aperol, lo Spritz campari è una sua degna alternativa. Ha come base prosecco, soda e Campari, appunto, il bitter alcolico utilizzato anche nella preparazione del Negroni e dell’Americano, che conferisce al nostro drink un sapore forte e deciso.

Spritz col Cynar 

Il Cynar è un liquore è a base di essenza di foglie di carciofo e infuso di piante ed erbe miste. Il suo sapore dolce-amaro e il suo colore ambrato scuro vanno a caratterizzare lo Spritz in questa deliziosa variante che risulta perfettamente bilanciata dalla freschezza del vino bianco.

Spritz col Select, specialità veneziana

Secondo i più informati, sarebbe stato il primo ad essere utilizzato nella preparazione dell’autentico Spritz. Il Select è un bitter nato a Venezia. La sua è una ricetta segreta che prevede l’utilizzo di ben 30 erbe aromatiche e che garantisce all’alcolico un perfetto equilibrio di sapori che rende unico lo Spritz in questa proposta.

Spritz bresciano, il pirlo

Il Pirlo – tranquilli, non è una parolaccia – è la versione bresciana del drink. Qual è la differenza tra Spritz e Pirlo? Eccovi accontentati: quest'ultimoo si prepara solo ed esclusivamente col Campari e prevede un vino bianco –fermo o frizzante - ma mai il prosecco.

Spritz bianco, il più leggero

Lo Spritz bianco si realizza semplicemente con del vino bianco. Non prevede Aperol né Campari bitter e risulta, quindi, non solo chiaro alla vista, ma anche più leggero. Nulla vieta al barman che lo realizza di optare per più di un tipo di vino.

Hugo, lo Spritz dolce

II cocktail Hugo è il drink che affonda le sue origini nell'Alto Adige. Sembra che la sua nascita sia dovuta al barman Roland Gruber. Si prepara con un ingrediente d’eccezione, lo sciroppo di fiori di sambuco, sapientemente accompagnato da menta fresca. A completarlo sono prosecco e seltz. Gli italiani lo apprezzano come long drink. Variazione sul tema? Lo Spritz hugo rosa, realizzato con Prosecco rosè.

Spritz col braulio, la variante valtellinese

Il Braulio è un celebre amaro lombardo dall’alta gradazione e dal sapore forte. Caratteristiche, queste, che non fanno presupporre molti accostamenti con altri alcolici. Ma lo Spritz fa eccezione, e questo cocktail da aperitivo è da provare anche solo per testare quello che tutto può essere definito tranne che uno Spritz analcolico.

Foto apertura: rh2010/123RF